Sermone del Venerdì

La giurisprudenza della costruzione degli stati

Lode ad Allah, Signore dei mondi, che disse nel Nobile Corano:”Aiutatevi l’un l’altro in carità e pietà e non sostenetevi nel peccato e nella trasgressione. Temete Allah, Egli è severo nel castigo“, e testimonio che non c’è altro Dio che Allah senza associati, e testimonio che il nostro signore e nostro Profeta Mohammad è il suo servitore e Messaggero. Pace e benedizioni siano su di  lui, sulla sua famiglia, sui suoi compagni e su quelli che li seguirono con carita’ fino al Giorno del Giudizio Universale.Seguitando in merito,

Non c’è dubbio che tutte le nazioni e tutti i popoli cercano di costruire uno stato forte e stabile, con tutte le proprie energie e risorse, al fine di raggiungere i suoi obiettivi. La costruzione dello stato e’ un processo che  richiede delle esperienze, del know-how e della conoscenza, delle condizioni appropriate e delle sfide. C’e’ una grande differenza tra  la giurisprudenza degli individui, delle comunita’ e quella della costruzione dello stato e della propria volonta’ in un mondo che vede rapido cambiamento. Quest’ultimo non riconosce che il linguaggio delle alleanze, e dei raggruppamenti politici, economici e culturali. Un cambiamento regolato dalle leggi, dai decreti e dai patti internazionali che nessun saggio possa negare ne’ respingere.

Lo stato significa protezione, sicurezza, fiducia, stabilita’, sistema e istituzioni. Lo stato e’ una costruzione culturale, politica, economica e legislativa. L’assenza dello stato significa la nascita del caos!

E tra i fattori più importanti della costruzione dello stato, ci sono: Il rafforzamento delle istituzioni statali nazionali, il rispetto dello stato di diritto, il rispetto della costituzione, il rispetto della giustizia, tutto questo impone alle persone di rispettare le leggi e i regolamenti dello stato, di rispettare le regole del traffico e non li contraddiscono per camminare nella direzione opposta, o per aumentare la velocità, o altre cose che si considerano una violazione dei diritti della strada e dei diritti delle persone, che possono causare la perdita della sua anima o delle vite di altri, o lesioni o intimidazioni. Di questo Allah,l’Onnipotente disse:” non gettatevi da soli nella perdizione, e fate il bene, Allah ama coloro che compiono il bene), e il Profeta( Pbsl) disse: “Non danneggiare vi stessi ne’ danneggiare gli altri.”

Il mantenimento e il rispetto del sistema contribuisce alla costruzione di uno stato forte e stabile. Ogni società deve avere delle regole e delle leggi che regolano il comportamento dei suoi membri, preservare i diritti dell’uomo, obbligarlo a svolgere le sue funzioni. Senza rispettare il sistema  e sostenere lo stato di diritto, lo stato non sarebbe stabile ne’ giusto.Il rispetto e l’implementazione delle leggi è uno dei fattori più importanti nella costruzione dello stato: la legge è una protezione per tutti i cittadini, non è inconcepibile che la società rimanga stabile senza rispettare le leggi, tutti devono assumersi la responsabilità dell’interesse pubblico che raccoglie i benefici dell’intera società. Il Profeta (Pbsl) disse: “Tutti voi siete guardiani e responsabili dei vostri sudditi. Il sovrano è un guardiano dei suoi sudditi, l’uomo è un guardiano della sua famiglia, la donna è un guardiano ed è responsabile della casa del marito e la sua progenie; e così tutti voi siete tutori e siete responsabili dei vostri sudditi”...La  società responsabile è una società coesa, in cui tutti conoscono il loro ruolo e rispettano gli altri. Ciò che è necessario per rispettare l’ordine, rispettare le leggi e tenere conto dei diritti degli altri, in modo che prevale la giustizia, e l’intera società gode di sicurezza, protezione e stabilità, e vediamo il nostro paese nel posto adatto tra le nazioni.La costruzione economica è uno dei pilastri più importanti della costruzione dello stato, perche’ l’economia forte fa lo stato eseguire gli impegni nazionali e internazionali, garantire una vita agiata ai suoi cittadini. E quando l’economia si indebolisce, la poverta’, la malattia, il caos  appariscono nella societa’, la vita diventa sconvolta, la morale diventa corrotta, i crimini abbondano, l’opportunità è ampia per i nemici che stanno aspettando per attaccare il paese, lavorando per rovesciarlo e metterlo nel caos infinito. Le nazioni che non producono i loro componenti di base, dipendono dagli altri che non hanno voce ne’ indipendenza della loro decisione. Una forte economia consente allo stato di vivere con dignità e orgoglio tra gli altri Stati; Pertanto, l’Islam da’ una grande cura alla finanza, perché è la spina dorsale della vita quotidiana.

Costruire i paesi economicamente richiede padronanza del lavoro e aumento della produzione. Nessuna nazione, istituzione o famiglia può svilupparsi solo con il normale lavoro, ma il lavoro deve essere fatto al modo modo e con professionita’, perche’ avra’ un rendimento economico su tutti i cittadini.

Allah, l’Altissimo, c’ordina a lavorare e fare degli sforzi, dicendo:” Quando poi l’orazione è conclusa, spargetevi sulla terra in cerca della grazia di Allah, e molto ricordate Allah, affinché possiate avere successo.”

Allah, l’Onnipotente, disse anche:”Egli è Colui Che vi ha fatto remissiva la terra: percorretela in lungo e in largo, e mangiate della Sua provvidenza. Verso di Lui è la Resurrezione.”

Da parte sua, il Profeta (Pbsl) disse: “Il migliore cibo e’ quello guadagnato dalle vostre mani,  e Il profeta (Psl) di Allah, Davide mangiava dai guadagni del suo lavoro personale.”

 Il Profeta(Pbsl) disse anche:” Chi ritorna a casa stanco perche’ ha lavorato tanto durante la giornata, Allah, gli perdona i peccati.”

Il Profeta (Pbsl) ha invitato le persone a continuare a lavorare, ad esempio, dicendo: “Se arriva il giorno del Giudizio e uno di voi ha una piccola pianta in mano, se può piantarla prima di alzarsi, allora lascialo fare.” Inoltre, disse il Profeta(Pbsl):”Qualsiasi musulmano che coltiva una pianta feconda da cui mangiano persone, uccelli o persino animali, sarà per lui come un’atto di beneficenza ricompensata.” lavoro e la produzione assicurano una vita umana dignitosa.

Uno degli strumenti è anche quello di modellare la comprensione

culturale, religiosa e scientifica delle persone, perché la mancanza di tale istruzione indebolisce lo stato e la sua stabilità. In questo caso, abbiamo quanto segue: La comprensione delle persone e del loro comportamento dovrebbe essere migliorato attraverso l’educazione morale e il trattamento dell’afasia. Ciò richiede che tutte le istituzioni dello Stato lavorino insieme per farlo in modo appropriato. È anche necessario affrontare il meccanismo provocatorio e non lasciare che le bugie si diffondano. E il Sacro Corano disse:” ” O credenti, se un malvagio vi reca una notizia, verificatela, affinché non portiate, per disinformazione, pregiudizio a qualcuno e abbiate poi a pentirvi di quel che avrete fatto “.

Quindi, dobbiamo essere vigili, coscienti, prendere delle lezioni dalle esperienze degli altri, e di questo Allah, l’Onnipotente disse:”O voi che credete! Preparatevi e poi partite in missione a gruppi o in massa.” Il Profeta(Pbsl) disse anche:” Il credente non si dovrebbe essere morso due volte dallo stesso buco”.

Dobbiamo sapere che la costruzione e la protezione dello stato e’ una responsabilita’ che assumiamo a nostro carico, ciascuno nel proprio posto e settore. Sottolineamo che la costruzione non si realizza senza tagliare le mani dei distruttori, e di questo disse il poeta:”

Quando finire di costruire un edificio?

Quando ti arrendi e l’altro si sbriciola.

Il Profeta(Pbsl) disse: “Sostenere tuo fratello religioso, ingiusto o oppresso. I suoi compagni poi gli dissero: lo sosteniamo quando è oppresso, ma come farlo quando è ingiusto? Poi disse loro: impeditelo di commettere un crimine “.

Quando vediamo qualcuno che lavora contro lo stato, dobbiamo consigliarli di tornare, e questo deve essere fatto da tutti. Il consiglio di fare del bene è di seguire il cammino dei profeti e aiuta a mantenere una società unita. È lo strumento che porta stabilità e pace e combatte la violenza e il terrorismo.

Di questo, il Profeta disse: “Coloro che osservano le leggi di Allah e quelli che le violano sono come le persone su una nave, alcuni che rimangono sopra e altri sotto. Le persone sul fondo stanno pensando di perforare la barca per ottenere acqua e di non disturbare gli altri a bordo. Ma se se ne vanno, saranno tutti distrutti

Non basta essere buono in se stesso, perche’ le condizioni del tempo attuale richiedono dalle persone di essere riformisti, e di questo Allah, l’Altissimo, disse:”  Non c’è nulla di buono in molti dei loro conciliaboli, eccezion fatta per chi ordina un’elemosina o una buona azione o la riconciliazione tra gli uomini. A chi fa questo per compiacimento di Allah, daremo ricompensa immensa,”

Allah,l’Onnipotente, disse, anche:”  Mai, il tuo Signore annienterebbe ingiustamente le città, se i loro abitanti agissero rettamente,”

Dico questo e chiedo perdono ad Allah, per me e per voi

*      *      *

Lode ad Allah, Signore dell’universo. Testimonio che non c’è altro Dio che Allah, e che Mohammad è il suo Profeta e Messaggero. Possa la pace e le benedizioni di Allah essere sul Profeta, sui suoi familiari e compagni e su tutti coloro che li seguono fedelmente fino al Giorno del Giudizio Universale.Quindi, miei fratelli nell’Islam

Uno degli elementi chiavi della costruzione dello stato è la costruzione della società. L’Islam rafforza i legami sociali e la solidarietà tra i cittadini della società. Rafforza anche le relazioni tra le persone e richiede che l’uomo ami il bene per i suoi simili, “Nessuno di voi si considera fedele, se non ama il bene a suo fratello come ama se stesso“. Anche la solidarietà sociale che protegge le basi e i legami della famiglia. La famiglia giusta è quella che supporta e protegge la gioventù e diffonde l’amore tra i suoi membri. Il Profeta disse: “È un grande peccato per un uomo lasciare perduti i suoi famigliari sostenuti da lui“. Deve proteggere le persone a cui tiene dai pensieri perversi. Dobbiamo rafforzare la società per far fronte alle sfide.

Il poeta egiziano Shauki disse:

Ti proteggiamo finché viviamo

E ti costruiamo in modo perfetto

In te moriremo

Per rimanere innocuo

Gli elementi sono anche il comportamento appropriato e le buone maniere delle persone. Le nazioni che non inculcano la buona morale e virtuosa non reggono né crescono. Il Profeta disse:”Nulla pesa di più nel giorno del Giudizio che buone maniere. Allah odia l’uomo con una morale irremovibile. ” Quando fu chiesto al Profeta degli strumenti che portano l’uomo in Paradiso, disse: “Paura di Allah e buone maniere“.

La buona moralità protegge l’uomo dall’adulterio. È come un albero cattivo, come sottolinea il Corano,”la parolaccia è come l’albero cattivo, sradicato dalla faccia della terra“.

Chiediamo ad Allah di darci una buona morale e di proteggere l’Egitto e tutti i paesi musulmani.

La posizione prestigiosa dei martiri e il sacrificio per amore della patria

Lode ad Allah, Signore dell’Universo, che disse nel Nobile Corano:” E non dite che sono morti coloro che sono stati uccisi sulla via di Allah, ché invece sono vivi e non ve ne accorgete”

Testimonio che non c’è divinità oltre ad Allah, l’Unico senza alcun socio, e che il nostro Maestro e Profeta Mohammad è il Suo servitore e Messaggero. O Allah, concedi la tua pace e le benedizioni a lui, alla sua Famiglia, ai suoi Compagni e a coloro che li seguono con rettitudine fino all’Ultimo Giorno. Seguitando in merito,Il popolo egiziano celebra in questi giorni l’anniversario dei più grandi eventi della sua storia. E’ il giorno in cui Allah, l’Onnipotente, ha aiutato gli egiziani a restituire la loro terra e la loro dignita’. E’ l’anniversario della vittoria di sei Ottobre 1973, il decimo giorno di Ramadan 1393 d’Egira. In questa grande battaglia epica , il soldato egiziano ha scritto le grandissime storie del sacrificio, dell’eroismo e della dignita’. Una storia in cui s’era incarnata l’essenza del soldato egiziano, fedele ai principi di Allah, l’Onnipotente, e la sua fiducia nella vittoria concessa da Allah, l’Altissimo. Una storia che ha mostrato la sincerita’, la grande volonta’ e l’insistenza di realizzare i propri scopi ed obiettivi.  Quando gli obiettivi sono sublimi, le finalità sono sincere, gli scopi sono nobili, i sacrifici devono essere costosi e preziosi, e non c’e’ altro piu’ costoso del sacrificio dell’anima per amore di Allah, l’Altissimo. L’individuo sacrifica l’anima per difendere la religione, la terra, l’onore e la patria, colla volonta’ d’avere la posizione prestigia piu’ subilme  e di diventare tra i martiri. Essere un martire e’ un dono divino concesso solo a quelli che Allah, l’Onnipotente, colma con la sua grazie e li mette nel secondo grado dopo i Profeti e agli uomini di verita’ , e di questo disse Allah, l’Altissimo,:” Coloro che obbediscono ad Allah e al Suo messaggero saranno tra coloro che Allah ha colmato della Sua grazia: Profeti, uomini di verità, martiri, gente del bene; che ottima compagnia.”La selezione divina di una persona per essere un martire testimonia la soddisfazione di Allah verso questo persona. Vincere il grado di martire e’ un sublime onore. E di questo Allah disse nel Nobile Corano:” Così alterniamo questi giorni per gli uomini, sicché Allah riconosca quelli che hanno creduto e che scelga i testimoni tra voi – Allah non ama gli empi”Il martire sacrifica la propria anima sul sentiero di Allah e per amore della patria. Il martire ha preferito l’Aldila’ piu’ della vita mondana, ha vinto i propri istinti e desideri, ed ha combattuto le battaglie in difesa della religione e della patria. Complimenti al martire per questa benedetta posizione!Ha vinto la sua competizione. Di questo disse Allah,l’Onnipotente:”  Allah ha comprato dai credenti le loro persone e i loro beni [dando] in cambio il Giardino, [poiché] combattono sul sentiero di Allah, uccidono e sono uccisi. Promessa autentica per Lui vincolante, presente nella Torâh, nel Vangelo e nel Corano.” Che grande affare! Che grande ricompensa: Il Paradiso!  Anas (Che Allah si compiaccia di lui) riferì: Umm Ar-Rubaiy’i bint Al-Bara ‘, che era la madre di Harithah bin Suraqah, venne dal Profeta (Pbsl) e disse: “O Messaggero di Allah! Non mi parlerai di Harithah? la battaglia di Badr). Se è a Janna, cioe’ Paradiso, mostrerò resistenza, ma se ha incontrato un altro destino, potrei esercitarmi piangendo per lui. ” Egli (Pbsl) rispose: “O madre di Harithah, nei giardini di Jannah ci sono molti ranghi e tuo figlio ha raggiunto Al-Firdaus, il più alto.”Infatti, il vero martire e’ quello che ha una buona intenzione e sacrifica per amore di Allah la propria anima, offrendo tutto per innalzare la parola di Allah, per diffendere la propria terra, e per innalzare la bandiera della patria.  Abû Mûsâ ha riferito: “Un uomo venne davanti al Profeta( Pbsl), e disse: O, Messaggero di Allah! Qual è la lotta nella causa di Allah? Bene, alcuni di noi combattono per rabbia o per parlarne bene. ” Il Profeta( Pbsl) ha detto: «Chi combatte per esaltare la Parola di Allah (la religione monoteista di Allah); Sta combattendo nella causa di Allah, Glorificato sia lui ».Il vero martire è l’uomo che respinge la vita mondana in tutte le sue forme,  rifiuta l’umiliazione, e resiste a chiunque tentativo d’aggredire la propria terra, la propria patria e il proprio onore. Abu Huraira ha riferito:” Abu Huraira ha riferito che un uomo è venuto al Messaggero di Allah, la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui, e gli ha chiesto: “Messaggero di Allah! Cosa ne pensi di un uomo che cerca di impossessarsi dei miei beni? “Rispose:” Non dargli i tuoi beni “. Chiesi:” E se combatte con me? “Rispose:” Combatti con lui “. Chiesi: “E se mi uccidesse?” Rispose: “Allora sarai un martire”. Chiesi: “E se lo uccidessi?”, Rispose: “Sarà nel Fuoco”.
Allo stesso modo, il vero martire è colui che difende la sua terra, l’onore e la patria. La difesa della patria e l’onore del vero musulmano sono come la difesa dell’anima, della religione e della proprietà, perché la religione ha bisogno di una patria che la porti e la protegga. Ha detto ibn Zayd che narra che il Profeta, la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui, ha detto: «Chi muore difendendo la sua proprietà è un martire, chi muore per legittima difesa è un martire, chi muore difendendo la religione è un martire e chi muore per proteggere la sua famiglia è un martire ». E cosi’ il significato del martirio e’ sempre collegato al sacrificio dell’anima nel sentiero di Allah, in tutte le situazioni che richiedono la difesa della reliogione per innalzare la parola di Allah,l’Altissimo, della terra per proteggerla contro l’aggressione esterna, perche’ l’amore della patria e’ una parte della fede. Beati tutti quei martiri della battaglia di Sei Ottobre, la battagli eterna. Quei martiri che hanno irrigato la terra dell’Egitto con il loro puro sangue, e le loro anime sono salite nel Cielo, e hanno vinto la soddisfazione di Allah e il Pardiso divino promesso da Allah come una ricompensa ai martiri. Il martirio sul sentiero di Allah, l’Altissimo, ha tante ricompense citate nel Nobile Corano: ” Non considerare morti quelli che sono stati uccisi sul sentiero di Allah. Sono vivi invece e ben provvisti dal loro Signore. lieti di quello che Allah, per Sua grazia, concede. E a quelli che sono rimasti dietro loro, danno la lieta novella: “Nessun timore, non ci sarà afflizione” Annunciano la novella del beneficio di Allah e della grazia e che Allah non lascia andar perduto il compenso dei credenti,”Si, e’ vero che sono vivi non morti, vivono nei benesseri di Allah, lieti di quello che Allah, gli ha donato. Godiscono del paradiso e tutti i beni del paradiso, lieti di quello che Allah, per Sua grazia, concede.Narrato da Musa bin Ibrahim bin Kathir Al-Ansari:”Ho sentito Talhah bin Khirash dire: ‘Ho sentito Jabir bin’ Abdullah dire:” Il Messaggero di Allah (Pbsl) mi ha incontrato e mi ha detto: ‘O Jabir! Perché ti vedo sconvolto? Ho detto: ‘O Messaggero di Allah! Mio padre fu martirizzato (nel Giorno di Uhud) lasciando indietro la mia famiglia e il debito. Lui (Pbsl) disse: ‘Devo darti notizie di ciò che tuo padre ha incontrato Allah?’ “Ha detto:” Ma certo O Messaggero di Allah! “Disse: ‘Allah non parla a nessuno se non da dietro un velo, ma ha portato tuo padre a parlargli direttamente. Ha detto:” [O mio servitore!] Desideri che io ti dia qualcosa? “Disse:” O Signore! Dammi la vita affinché io possa combattere per Te una seconda volta. ” Quindi il Signore [Beato e Altissimo] disse: “È stato decretato da Me che non torneranno (21:95)”. Ha detto: “Quindi questo Ayah è stato rivelato: non pensare a quelli come morti che sono stati uccisi sulla via di Allah (3: 169).”Tra le ricompense del martire che ha sette peculiarità menzionate negli hadith riferite da Al-Miqdam Ibn Ma’adi-Qareb, che Allah si compiaccia di lui, disse: il Profeta, la pace e le benedizioni di Al- disse con lui, disse: “Il martire ha sette benedizioni da parte di Allah: è perdonato dal momento in cui il suo sangue viene versato; Gli verrà mostrato il suo posto in Paradiso; sarà esonerato dalla prova della tomba; sarà al sicuro nel Giorno del Grande Terrore (il giorno della risurrezione); una corona di dignità sarà posta sulla sua fronte, con un rubino che è migliore di questo mondo e di tutto ciò che contiene; sposerà settantadue vergini (al-hur al-‘in); e gli sarà permesso di intercedere per settanta dei suoi parenti. “L’onore conferito da Allah ai martiri: Delle ricompense del martire anche che gli angeli lo caricano con le sue ali. Jábir Ibn Abdul-lah ha detto che “Hanno portato il corpo di mio padre davanti al Messaggero di Allah ed erano stati mutilati, è stato messo di fronte a lui e volevo scoprire la sua faccia, ma il mio popolo mi ha proibito, il Messaggero de Allah disse: “Gli Angeli non hanno smesso di coprirlo con le loro ali”.Tra cui: che il martire per la causa di Dio con il primo gruppo ad entrare in Paradiso senza contare o punizioni, narrato da Abdullah ibn Amr ibn al-Aas (che Allah si compiaccia di loro) ha detto: Ho sentito il Messaggero di Allah (pace su di lui) disse: (Allah l’Onnipotente invita La risurrezione del cielo, e porterà la sua decorazione e irrigazione, Egli dice: dove i credenti che hanno combattuto per Allah, e uccisi sul sentiero di Allah, entrate in Paradiso, senza giudizion ne’ punizione. Arrivano l’angeli, dicendo: O, Allah, ti lodiamo giorno e notte, chi sono quelli che ci hai preferito e scelto piu’ di noi? Dice il Signore, l’Onnipotente: coloro che hanno combattuto sul sentireo di Allah, e per amore di Allah, quindi gli angeli li salutano dicendo: Pace di Allah sia di voi per la vostra pazienza nella vita mondana, che grande ricompensa.”Tra i premi c’e’ anche che il martire sara’ uno dei primi gruppi ad entrare in paradiso senza processo o punizione. ‘Abdul-lah Ibn’ Amr Ibn Al- ‘As, possa Allah essere contento di entrambi, disse: ho sentito il Messaggero di Allah, Pbsl, dire: “ Nel giorno della risurrezione, Allah, sia lodato, chiamerà il giardino, che viene con il suo lusso, dice Allah, sia lodato: dove sono i miei servi che hanno combattuto per la causa di Allah, sono morti , sono stati danneggiati e hanno lottato per la mia causa? Entrate nel paradiso senza giudizio o punizione, gli angeli vengono e dicono: Oh nostro Signore! Ti glorifichiamo e santifichiamo di giorno e di notte Chi sono quelli che hai preferito su di noi? Allah dice: questi sono quelli che hanno combattuto per la mia causa, sono morti, sono stati danneggiati e hanno lottato per la mia causaGli angeli entreranno davanti a loro attraverso tutte le porte e gli diranno: “La pace sia su di voi! Perché stavate perseverando [nell’adorazione]. Quanto è bella la ricompensa dell’eterna dimora! ”I martiri otterranno le migliori case in paradiso. Samura Ibn Yundab, che Allah si compiaccia di lui, che il Profeta di Allah, la pace e le benedizioni siano su di lui, disse: Ho visto (in un sogno) l’altra sera che sono venuti due uomini per me, arrampicandosi su un albero con me, mi hanno messo in una casa che non avevo mai visto una casa migliore di essa; Mi dissero: “Questa è la casa dei martiri”.Per questi motivi, il martire è l’unico che vuole tornare di nuovo in vita per uccidersi di nuovo per la causa di Allah. Anas ibn Malik disse che il Messaggero di Allah disse: “Nessuno che entrerà in Paradiso vorrà tornare in questo mondo, anche se tutto è stato dato, tranne il martirio. Vorrei tornare al mondo e morire dieci volte di più per la causa di Allah. Questo perché l’onore che ha ricevuto sarebbe quello di un martire. “Detto questo, spero che Allah ci perdoni tutti!

*        *        *

Lode ad Allah, Signore dell’Universo, affinché la salvezza e le benedizioni di Allah siano conferite all’onesto Profeta, alla sua famiglia, ai suoi compagni e ai loro giusti seguaci fino all’Ultimo Giorno. Lode ad Allah, Signore dell’universo; la pace e le benedizioni di Allah siano sul suo Messaggero Mohamed, i suoi parenti, tutti i suoi compagni e coloro che li seguono gentilmente fino al Giorno del Giudizio.Quindi, i miei fratelli nell’Islam,Raggiungere i più grandi obiettivi in ​​questa vita richiede dei grandi sacrifici. Non c’è dubbio che gli obiettivi nobili richiedono sacrifici nobili; Questo è il caso di coloro che si sacrificano per la loro religione e la patria. Il nostro dovere nei confronti del nostro amato Paese e della giusta religione è quello di lottare, collaborare e unirci, per proteggere la propria sicurezza e difenderla dalle aggressioni e dai pericoli che tentano di danneggiarla. Dobbiamo essere vigili per proteggerlo, ognuno dipende dal proprio potere e nell’ambito del proprio lavoro e responsabilità. I nostri eroici soldati che si sono aggrappati al sentiero di Allah, lo lodano, sono sani e hanno realizzato ciò che avevano promesso ad Allah, potendo, con ferma intenzione e ferma convinzione, passare alla costruzione e allo sviluppo. Saluti alle coraggiose forze armate nel giorno della vittoria.Assumiamo un altro ruolo, che riguarda il passaggio verso la riva dello sviluppo, del benessere, del lavoro e della produzione, per confermare che i nipoti e i figli dei soldati che hanno attraversato la linea Bar-Lev, e sono entrati nel fuoco in quel grande giorno, sono in grado di superare tutte le difficoltà per raggiungere la pace, la sicurezza e lo sviluppo, con il permesso di Allah, l’Altissimo. Dobbiamo unirci in fila dietro le nostre sagge autorità, forze armate, polizia e le altre istituzioni dello stato nazionale.O nostro Signore, proteggi l’Egitto e il suo popolo e concedigli pace e sicurezza

La pericolisita’ delle calunnie e della falsificazione della coscienza

Lode ad Allah, Signore dei mondi, che disse nel Nobile Corano:” O credenti, temete Allah e parlate onestamente,

sì che corregga il vostro comportamento e perdoni i vostri peccati. Chi obbedisce ad Allah e al Suo Inviato otterrà il più grande successo”

Rendo testimonianza che non esiste divinità oltre Allah, l’Uno senza alcun associato, e che il nostro Maestro e Profeta Muhammad è il Suo servitore e messaggero . O Allah, concedi la tua salvezza e benedizioni a lui, alla sua famiglia, ai suoi compagni e a coloro che li seguono con rettitudine fino all’Ultimo Giorno,Seguitando in merito Il conflitto tra la verita’ e la menzongna e’ antichissimo, esiste sulla terra dal primo momento della creazione dell’essere umano e restera’ fino all’Ultimo Giorno, quando Allah ereditera’ la terra con tutte le sue creature.   Tra i mezzi più importanti della gente della menzogna nel suo conflitto con la gente della verità c’e’: la produzione delle calunnie e promuoverle tra la gente. Non c’è dubbio che la parola e’ una responsabilità, sia letta, ascoltata o visibile, e le voci sono delle parole diffuse tra le persone, da una persona che porta dentro di se un cuore malato, o diffuse da un’ente o un’organizzazione di forze malvagie che operano in segreto. Tali forze cercano di fare diffondere le calunnie senza prove per  influenzare  negativamente sulle menti e sulle anime, e diffondendo anche delle idee distruttive e credenze corrotte che seminano l’ansia, il sospetto, la debolezza e la sfiducia tra gli individui all’interno della societa’. E cosi vediamo la gente di una nazione interrogarsi fra di loro e tradirsi a vicenda, percio’ il Profeta (Pbsl) disse: “È abbastanza falsità per un uomo mettere in relazione tutto ciò che sente.” Se parlare di tutto ciò che una persona sente è una forma di menzogna, quindi una persona viene severamente punita nell’Aldilà, quando parla di ciò che non ha visto o sentito!L’Islam ha preso una posizione ferma sulle voci e sui promotori e ha considerato il comportamento in contrasto con la buona morale e i nobili valori della legge islamica, quando ha ordinato ai suoi seguaci di impedire che la lingua si diffondesse in ciò che sta diffondendo la sedizione e provocare disordini nella società, e ha ordinato loro d’essere onesti nelle loro parole e di mantenere le loro lingue, accertando tutto ciò che sentono in modo che non causino discordia, corrompano la società e difamano le persone. Di questo Allah, l’Altissimo, disse: ” O voi che credete, temete Allah e state con i sinceri.”Allah disse anche:”  Non seguire ciò di cui non hai conoscenza alcuna. Di tutto sarà chiesto conto: dell’udito, della vista e del cuore.”.Il Profeta(Pbsl) in un Hadith Sharif disse:”Non ti parlerò della testa della questione dell’Islam, del suo pilastro e del suo apice? (Lo è) Jihad. “Poi disse:” Non ti parlerò delle basi di tutto ciò? “Dissi:” Sì. “Si prese la lingua e disse:” Trattenete questo “. O Profeta di Allah, saremo portati a rendere conto di ciò che diciamo? “Egli disse:” Che tua madre non ti abbia trovato, o Mu’adh! Le persone vengono gettate in faccia all’inferno per qualcosa di diverso dalla raccolta delle loro lingue? ‘”
Diffondere e promuovere voci  e calunnie è il comportamento degli ipocriti nel raggiungere i propri scopi e obiettivi minando la sicurezza, prendendo di mira l’unità della patria, indebolendo la crescita della sua economia, minando la sua stabilità e sicurezza e diffondendo lo spirito di frustrazione, disperazione e pessimismo nel cuore dei cittadini in generale e dei giovani in particolare, perché il tremore è destinato a entrare in cattive notizie e sedizioni che potrebbero causare gravi turbamenti nella società. Di questo, Allah, l’Onnipotente, disse:”Se gli ipocriti, coloro che hanno un morbo nel cuore e coloro che spargono la sedizione non smettono, ti faremo scendere in guerra contro di loro e rimarranno ben poco nelle tue vicinanze.”
Le voci sono uno dei mezzi di guerra da cui il Profeta (Pbsl)non è fuggito.  I politeisti hanno combattuto contro il Profeta (Pbsl) diffondendo voci per screditarlo e distorcere la sua immagine. Di questo disse Allah, l’Onnipotente:” I miscredenti dicono: “È uno stregone, un gran bugiardo.”.Sostenevano scioccamente che fosse un poeta e un pazzo,”e dicevano: “Dovremmo abbandonare i nostri dèi per un poeta posseduto?”.”
A volte si diceva che fosse un prete, Dio Onnipotente rispose a loro mentendo le loro  calunnie, dicendo:” Non è la parola di un poeta – [credetelo] per quanto poco crediate- e neanche la parola di un indovino _ per quanto poco riflettiate! È una Rivelazione venuta dal Signore dei mondi.”Un giorno, i politeisti diffusero una falsa voce sulla morte del Profeta (pace e benedizioni di Allah siano su di lui) al fine di disperdere i musulmani e indebolire il loro potere. I ranghi dei musulmani furono disturbati e la loro forza psicologica si indebolì, Alcuni fuggirono, altri lanciarono armi e alcuni restarono fermi con il Profeta (pace e benedizioni di Allah siano su di lui).Nella battaglia di Hamra al-Assad, i politeisti dicevano che Quraish aveva preparato un grande esercito per attaccare la città e combattere il Profeta (Pbsl) e i suoi compagni, ma i musulmani restarono fermi preserevando la loro religione e non si disturabarano dalle voci diffuse, per quello Allah, l’Onnipotente elogio’ la loro posizione, dicendo:” Dicevano loro: “Si sono riuniti contro di voi, temeteli”. Ma questo accrebbe la loro fede e dissero: “Allah ci basterà, è il Migliore dei protettori””.Nella battaglia di Hunain, quando si diceva che il Profeta (Pbsl) fosse stato ucciso, Il Profeta si oppose a questa voce, dicendo:” Sono Il Profeta, non sono bugiardo, sono il figlio di Bin Abd Al Motaleb”.Le voci e la promozione di voci pericolose non sono nascoste ai saggi. Tali voci che incitano lo spargimento del sangue e ai massacri. Prendiamo un’importante esempio dalla storia dell’uccisione del califfo Othman bin Affan (che Allah sia soddisfatto di lui) e ci sono le migliori prove e testimonianze di questo, i suoi seguaci furono assediati dai criminali a causa delle voci diffuse del bugiardo Abdullah bin Sheba, l’ebreo, e persino gli impedì di bere acqua, che acquistò il pozzo di Romia con i suoi soldi. Narrato da Naila, la moglie di Osman (che Allah si compiaccia di lui) disse:”Il giorno precedente alla sua uccisione, Osman era in digiuno, e quando venne il momento dell’Iftar, cioe’ rompere il digiuno, chiese una tazza d’acqua, loro rifiutarono, percio’ Osam dormi’ senza bere ne’ mangiare, e quando venne l’Alba, chiesi ai vicini una tazza d’acqua, e mi diedero. Cercai di fare Osman bere quella tazza, ma lui mi disse: “venne il momento di digiunare un nuovo giorno, inoltre, ho avuto una rivelazione dal Profeta: l’ho visto mentre mi dava l’acqua e mi faceva bere, e mi disse: bevi di piu’! percio’ ho bevuto, e poi mi disse di nuovo: la vostra gente verrano ad ucciderti, se cerchi di combatterla, vincerai, se la lasci, sarai con noi ( cioe’ martire), e cosi’ la gente malvagia uccise Osman.”Oggi molti fattori sono cambiati e l’industria malvagia ha preso forma, mentre il mondo sta assistendo a un rapido e veloce sviluppo dei mezzi di comunicazione e tecnologia, la voce è diventata più diffusa, più veloce, più influente e persino un mezzo di guerra: La guerra non è più monodimensionale. È puramente militare, o puramente sicurezza, nemmeno puramente intelligenza nel tradizionale concetto di vecchi sistemi di intelligence. In termini di metodologia di utilizzo dell’arma delle voci e della falsificazione della coscienza, che è diventata una questione di studio e addestramento da parte di alcuni partiti sospetti, e impiegando battaglioni elettronici, con l’uso dei massimi mezzi di assedio e pressione politica, economica e psicologica e tentativi disperati di provocare persone e contorcendole sui loro sovrani e distorcere i simboli i guadagni nazionali, lo scetticismo di tutti i risultati e la sottovalutazione, l’alleanza di gruppi e forze terroristici, i tentativi di infiltrarsi nelle istituzioni, provocano qualsiasi conflitto che porta a divisioni mediante un meccanismo senza precedenti, con un uso deliberato delle informazioni e il reclutamento di alcuni moderni mezzi di comunicazione. Ma molti di loro, e la necessità di giocare l’immediato e gli interessi che alcune persone non sono suscettibili di pazienza e cercare di rompere la volontà del popolo e lavorare per spezzare il prestigio dei sovrani, mettere in discussione scienziati, intellettuali nazionali, e sostenere i loro avversari, e inviare messaggi minacciosi allineati a volte e altri schierati aderenti ai loro principi fedeli alle loro terre, evidenziando il destino di coloro che non salirono e si unirono al piano peccaminoso, sollevando lo stendardo del parto e inginocchiandosi dietro.Indubbiamente, la questione della resistenza contro tutte queste ondate richiede una solida convinzione e fede nazionale e la fiducia illimitata in Allah, poiché molte persone potrebbero sottovalutare la condivisione di alcune notizie, statistiche o storie senza verificarle o verificare la loro fonte, quindi sono quelli che hanno partecipato alla diffusione della sedizione e dell’accensione, una parola falsa che una persona dice, scrive o condivide, potrebbe essere diffusa  e diventerebbe la causa di una punizione nel Giorno della Resurrezione. Di questo disse il Profeta(Pbsl): “Un servitore (di Allah) può pronunciare una parola che piace ad Allah senza dargli molta importanza, e per questo Allah lo porterà a gradi (di ricompensa): un servitore (di Allah) può pronunciare una parola (incautamente) che dispiace ad Allah senza pensare alla sua gravità e per questo verrà gettato nell’Inferno-Fuoco.”Detto questo, imploro il perdono di Allah sia per me e per voi.* * *Sia lode ad Allah, Signore dell’Universo, che la salvezza e le benedizioni di Allah siano conferite all’onesto profeta, alla sua famiglia, ai suoi compagni e alla loro giustizia fino all’ultimo giorno. Quindi i miei fratelli nell’Islam,
L’Islam ha sviluppato un approccio saggio per proteggere la società dalle voci, consiste nel seguente: * La necessità di verificare le notizie e di fare attenzione prima della pubblicazione nella comunità, e di questo disse l’Onnipotente: O credenti, se un malvagio vi reca una notizia, verificatela, affinché non portiate, per disinformazione, pregiudizio a qualcuno e abbiate poi a pentirvi di quel che avrete fatto”    Il Profeta( Pbsl) disse:” compiere gli affari con calma e’ un’ordine divino, e farli in fretta e’ un’ordine del diavolo.”Anche il Profeta disse:”Potete fare tutto con calma, tranne le opere pie’ dell’Aldila’”.* Non ripetere la voce in alcun modo leggibile, udibile o visibile; perché nel suo canto recitante alla promozione e alla diffusione, le voci diventano più diffuse se ci sono lingue di frequenza e le orecchie le ascoltano e le anime accettano e credono. Allah disse:” quando con le vostre lingue riportaste e con le vostre bocche diceste cose, di cui non avevate conoscenza alcuna. Pensavate che non fosse importante, mentre era enorme davanti ad Allah”. l Messaggero di Allah (Pbsl) disse: “Chiunque crede in Allah e nell’Ultimo Giorno, dovrebbe parlare di ciò che è buono o stare zitto, e chiunque crede in Allah e nell’Ultimo Giorno non dovrebbe ferire (o insultare) il suo vicino; e chiunque crede in Allah e l’ultimo giorno, dovrebbe intrattenere generosamente il suo ospite,”* La necessità di coesione tra le persone dello stesso paese e fornire buon pensiero quando si sentono le voci, e di questo, Allah disse:” Perché, quando ne sentirono [parlare], i credenti e le credenti non pensarono al bene in loro stessi e non dissero: “Questa è una palese calunnia?.”A un musulmano viene comandato di pensare bene e di portare il bene degli altri; perché la diffidenza è una malattia mortale che porta alla distruzione della vita e alla diffusione della rivalità tra le persone, e il Profeta (Pbsl) ne ha avvertito dicendo:” Attenzione ai sospetti. Il sospetto è il discorso più falso. Non spiare e non origliare, Non competere l’uno con l’altro e non invidiarci a vicenda e non si odiano e non evitano l’un l’altro. Siate servitori di Allah e fratelli.”Dipendere sugli esperti e i competenti nella dichiarazione dei fatti e di non affrettarsi a giudicare le cose, disse l’Onnipotente nella descrizione degli ipocriti:” Se giunge loro una notizia, motivo di sicurezza o di allarme, la divulgano. Se la riferissero al Messaggero o a coloro che hanno l’autorità, certamente la comprenderebbero coloro che hanno la capacità di farlo. Se non fosse stato per la grazia di Allah che è su di voi e per la Sua misericordia, certamente avreste seguito Satana, eccetto una piccola parte di voi”, cioè, si nascondevano nella sicurezza e nella stabilità della comunità cittadina, se sentono notizie sulla sicurezza o la paura dei musulmani, la trasmettono o la mostrano con l’intenzione di diffondere panico, ansia e confusione.Lascia che ogni credente geloso della sua religione, fedele alla sua patria, si alzi per contrastare quelle voci e negarle, disse il Profeta (Pbsl):” Se un musulmano difende l’onore di suo fratello in sua assenza, Allah proteggerà la sua faccia dal fuoco dell’inferno nel Giorno della Resurrezione.” Dobbiamo sapere che la parola è responsabilita’ che ci verrà chiesto davanti ad Allah Onnipotente nel Giorno del Giudizio.Rendiamoci tutti conto che i nostri nemici hanno preso le guerre della quarta e quinta generazione e la guerra di voci e distorsioni di risultati e simboli nazionali e tentativi di minare tutto ciò che è il modo nazionale di fallire, rovesciare o frammentare i nostri paesi per raggiungere i loro scopi e obiettivi, dobbiamo renderci conto che una feroce guerra si sta tessendo per noi e le voci la alimentano.Dobbiamo controllare e dimostrare che non cadiamo nelle macchinazioni dei nostri nemici, dobbiamo fidarci di noi stessi, della nostra leadership, del nostro esercito e della nostra polizia, e non dare il nostro cuore ai nemici della patria e a coloro che lavorano per minarci, o il morale, o pensare alla nostra frustrazione e disperazione tra noi, ciò richiede che immunizziamo i nostri giovani e la nostra società con consapevolezza della realtà, conosciamo l’entità delle sfide che affrontiamo e proviamo a contribuire a risolverleO, Allah, guidaci verso la retta via, salva l’Egitto secondo ciò

Gli aspetti dell’arroganza, della superbia e della repulsione del Sentiero di Allah

Lode ad Allah, Signore dell’Universo, che disse nel suo Nobile Libro: ”  Presto allontanerò dai segni Miei, coloro che sono orgogliosi sulla terra. Quand’anche vedessero ogni segno non crederanno; se vedessero la retta via, non la seguirebbero; se vedessero il sentiero della perdizione, lo sceglierebbero come loro via. Ciò in quanto tacciano di menzogna i Nostri segni e sono noncuranti di essi ”

Attesto che non esiste divinità oltre ad Allah, l’Unico senza alcun associato, e che il nostro Maestro e Profeta Muhammad è il Suo servitore e Messagero. O Allah, concedi la tua salvezza e benedizioni a lui, alla sua famiglia, ai suoi compagni e a coloro che li seguono dalla giustizia all’Ultimo Giorno.

Seguitando in merito, La conseguenza che attende gli arroganti è sfortunata sia nella vita mondana che nell’Aldilà, individui siano o nazioni. La perdita’ delle nazioni e delle città che si vantano di orgoglio e superbia è una costante tradizione divina che non subisce né alterazione né cambiamento. Il Vero Allah, Gloria a Lui, dice: “Gli ‘Âd furono ingiustamente superbi sulla terra e dissero: “Chi è più forte di noi?”. Ma come, non avevano visto che Allah, Che li aveva creati, era più forte di loro? Negarono i Nostri Segni. Inviammo contro di loro un vento impetuoso e glaciale, in giorni nefasti, affinché gustassero ignominioso castigo già in questa vita. Ma il castigo dell’Altra vita è più avvilente e non saranno soccorsi “

Allah, Gloria a Lui, dice anche: ” Quante città si mostrarono orgogliose di fronte all’ordine del loro Signore e dei Suoi messaggeri! Le costringemmo ad un rendiconto rigoroso, e le castigammo di un orribile castigo.Gustarono le conseguenze della loro condotta e l’esito della loro condotta fu la dannazione”.

L’arroganza fu il primo peccato e la prima disobbedienza ad Allah, esaltato sia Lui, quando comandò agli angeli di inchinarsi ad Adamo, lo fecero tranne Iblis (il Satana). Allah, Gloria a Lui, disse: ” E quando dicemmo agli Angeli: “Prosternatevi ad Adamo”, tutti si prosternarono, eccetto Iblîs, che rifiutò per orgoglio e fu tra i miscredenti “Gli arroganti sono riconosciuti nell’Aldilà dalle loro cattive caratteristiche fintanto che sono riconosciuti nel seguito. Allah, Gloria a Lui, dice: E i compagni dell’Arâf chiameranno gli uomini che riconosceranno per il loro aspetto, dicendo: “Le ricchezze e l’orgoglio non vi hanno giovato in nulla “Allah dice anche:” In verità le porte del cielo non si apriranno mai per coloro che smentiscono i Nostri segni allontanandosene orgogliosamente: non entreranno in Paradiso sino a quando un cammello non passi per la cruna di un ago. Così Noi compensiamo i peccatori.”Allah dice anche:” Nel Giorno della Resurrezione vedrai coloro che inventavano menzogne contro Allah con i volti anneriti. Non c’è nell’Inferno una dimora per gli arroganti?” Il Profeta (Pbsl) disse: “Il Paradiso e l’Inferno si sono impegnati in un dibattito. L’Inferno dice: In me ci sono i crudeli e gli orgogliosi. Il Paradiso dice: dove ci sono i poveri e i bisognosi. Allah li ha tagliati dicendo: “Sei il mio paradiso, è attraverso te che prendo la mia misericordia che voglio, e tu, tu sei il mio inferno, in te castigo chi voglio. Il Profeta dice anche: “Volete che vi dica che e’ il popolo dell’inferno? Bene! Sono i superbi e gli arroganti.” Senza dubbio, l’arroganza è un atteggiamento che vive nel cuore malsano. Si potrebbe trovare un uomo così bisognoso, privo di fortuna, ma suberpo allo stesso tempo. Potremmo trovare un uomo ricco che è anche una persona che si sente modesta. Il Profeta (Pbsl) disse: ” Chi ha nel cuore il peso di un seme di senape d’orgoglio, non puo’ entrare in Paradiso.”Un uomo chiese: O Profeta! A uno di noi piace indossare bei vestiti e scarpe? Il Profeta rispose: Allah è bello Chi ama la bellezza, ma l’arroganza è nascondere la verità e disprezzare le persone. L’arroganza è una delle pericolose malattie psicologiche e sociali che schiacciano l’anima e distruggono la società. L’arrogante è ingannato da se stesso, che si crede al di sopra degli altri. Allah, Gloria a Lui, dice: ” E quando gli si dice: “Temi Allah”, un orgoglio criminale lo agita. L’Inferno gli basterà, che tristo giaciglio! “L’arroganza vive nel cuore, ma ha dimostrazioni che si svolgono nel comportamento e nel comportamento. È citato: la saturazione con il peccato con l’arroganza e il rifiuto di sottomettersi alla verità. Allah, Gloria a Lui, dice:“L’Inferno gli basterà, che tristo giaciglio!.” Allah, Gloria a Lui, dice: ” L’Inferno gli basterà, che tristo giaciglio!”. C’è chi è superbo nei confronti degli ordini del Profeta (Pbsl), quindi ricever’ la punizione della sua ostinazione. Secondo Iyas Ibn Salamah Ibn Al Aqwaa (che Allah sia contento di lui), suo padre gli disse che un uomo stava mangiando con la mano sinistra a casa del Profeta (Pbsl). Il Profeta gli ordinò di mangiare con la mano destra. L’uomo rispose che non poteva farlo. Il Profeta rispose: “Questo non può! È l’arroganza che gli ha impedito di seguirmi”. Quindi l’uomo non poteva alzare la mano destra in bocca.” Uno degli aspetti dell’arroganza è rivolgersi alle persone con la guancia scontrosa, voltare il viso per non guardarli con arroganza. Allah, sulla lingua di Luqman che ha consigliato suo figlio, proibisce questo atteggiamento dicendo: ” Non voltare la tua guancia dagli uomini e non calpestare la terra con arroganza: in verità Allah non ama il superbo vanaglorioso “. Si può anche menzionare il fatto di camminare sulla terra con arroganza. Allah, Gloria a Lui, dice: ” Non incedere sulla terra con alterigia, ché non potrai fenderla e giammai potrai essere alto come le montagne! Ciò che è male in tutto questo è odiato dal tuo Signore. Viene anche menzionato il loro orgoglio per la fortuna e le benedizioni conferite da Allah, Gloria a Lui. Il Profeta (Pbsl) dice: “Un uomo di quelli che erano prima di voi, uscì per vantarsi di indossare un abito. Allah quindi ordinò alla terra di ingoiarlo. Ci sprofonda fino all’Ultimo Giorno.”Questo orgoglio potrebbe essere fatto anche da mobili di lusso, automobili costose e il possesso di palazzi come incentivo tra le altre delizie della vita. L’arrogante cerca anche di non sedersi con i poveri e di essere perseguitato dalla superbia e dal disprezzo. Era l’atteggiamento dei miscredenti nei confronti di poveri compagni come Salman, Bilal, Soheib tra gli altri. E dissero al Profeta: Caccia queste persone da casa tua, altrimenti potrebbero osare di contraddirci. Allah, Gloria a Lui, rivelò: “Non scacciare quelli che al mattino e alla sera invocano il loro Signore. Bramano il Suo Volto. Non renderai conto di loro non renderanno conto di te. Se li scacciassi saresti tra gli ingiusti..“. Tra le forme di orgoglio, c’è l’organizzazione delle feste, limitando l’invito ai ricchi, escludendo i poveri con disprezzo. Abu Hurairah (che Allah sia contento di lui) disse: Peggio ancora è il mangiare della festa a cui sono invitati i ricchi e da cui i poveri sono esclusi. Uno degli aspetti dell’orgoglio è non affrontare il saluto con disprezzo per ciò che si ritiene sia inferiore. Il Profeta (Pbsl) rivolgeva il saluto sia ai minori che agli adulti. Nel hadith: “passando dai giovani, il Profeta (Pbsl) ha inviato loro saluti. “C’è anche un’animosità feroce e perversa. È noto all’unanimità che è proibito per il musulmano tagliare i rapporti con suo fratello per più di tre giorni, altrimenti ci sarebbero fastidi e corruzione nella societa’ e punizione nell’Aldilà. Il Profeta (Pbsl) disse: “Chiunque tagli i rapporti con suo fratello per più di tre giorni, sarà all’Inferno, a meno che Allah non lo abbia salvato dalla sua bontà”, ” Al musulmano è proibito abbandonare suo fratello per più di tre notti; si incontrano e non parlano fra di loro, il migliore è quello che per primo saluta suo fratello”e” ci sono quattro attributi che, quando sono uniti a qualcuno, è un puro ipocrita. Se uno di questi attributi si trova in qualcuno, quest’ultimo ha uno degli attributi dell’ipocrisia: affidato, tradisce, quando parla, mente, quando si impegna, fallisce nel suo impegno e si abbandona nelle avversità” L’orgoglio e l’arroganza erano all’origine dell’incitamento dei politeisti a convertirsi all’Islam, o a dire: nessuna divinità tranne Allah. Allah, Gloria a Lui, dice: ” Quando si diceva loro: “Non c’è dio all’infuori di Allah”, si gonfiavano d’arroganza“. Non volevano seguire una religione diversa da quella degli antenati. È per orgoglio che gli ebrei si sono rifiutati di seguire il Profeta (Pbsl) conoscendo comunque la verità della sua profezia. Allah, Gloria a Lui, dice:” Coloro ai quali abbiamo dato la Scrittura, lo riconoscono come riconoscono i loro figli. Ma una parte di loro nasconde la verità pur conoscendola! È anche l’arroganza che ha spinse i figli di Israele a negare i loro profeti e ucciderne alcuni. Allah, Gloria a Lui, disse: ” Ogniqualvolta un messaggero vi portava qualcosa che vi spiaceva, vi gonfiavate d’orgoglio! Qualcuno di loro lo avete smentito e altri li avete uccisi. Certamente, la superbia era all’origine dell’incredulità delle nazioni precedenti. A questo proposito, Allah, Gloria a Lui, disse di Noè: Ogni volta che li chiamavo affinché Tu li perdonassi, si turavano le orecchie con le dita e si avvolgevano nelle loro vesti, pervicaci e tronfi di superbia“. Per il popolo di Hud, disse: ” Quando da ogni parte giunsero loro i messaggeri dicendo: “Non adorate altri che Allah”, risposero: “Se il nostro Signore avesse voluto [che credessimo], avrebbe certamente fatto scendere gli angeli. Dunque non crediamo a ciò con cui siete stati inviati” “ Dal popolo di Saleh, Allah, Gloria a Lui, disse: ” I notabili del suo popolo, che erano tronfi di orgoglio, dissero agli oppressi, fra quelli di loro che avevano creduto: “Siete sicuri che Sâlih sia un inviato del suo Signore?”. Ed essi risposero: “Sì, crediamo nel messaggio inviato suo tramite”.” Parlando del popolo di Choib, Allah disse: I notabili del suo popolo, che erano tronfi di orgoglio, dissero: “O Shuayb, certamente ti cacceremo dalla nostra città, tu e quelli che hanno creduto in te, a meno che non ritorniate alla nostra religione!”. Rispose: “Anche se la aborriamo? “. Era la fine di ogni nazione che ha rifiutato per orgoglio, l’ordine di Allah, sia esaltato Lui: perdita e distruzione, che brutta fine e che sfortunato destino!Chiunque abbia questa grave malattia dovrebbe cercare di curare la propria condizione conoscendo il proprio stato. Deve contemplare l’origine della sua esistenza dalla terra dopo il nulla, poi una goccia di sperma, un’adesione, un pezzo di carne, quindi diventa una cosa conosciuta dopo il nulla. L’orgoglioso servitore deve sapere che l’Ultimo Giorno avrà diminuito il suo prestigio. Chiunque voglia scavalcare le creature di Allah, sarà raccolto nell’abisso più basso nell’Ultimo Giorno. Il Profeta (Pbsl) disse: “Gli orgogliosi saranno l’ultimo giorno, come gli atomi sotto forma di uomini, saranno circondati da tutte le parti dall’umiliazione”. Allah, Gloria a Lui, disse: “E coloro che la vigilia si auguravano di essere al posto suo, dissero: “Ah! È ben evidente che Allah concede con larghezza o lesina a chi vuole tra i Suoi servi. Se Allah non ci avesse favorito, certamente ci avrebbe fatto sprofondare. Ah! È ben evidente che i miscredenti non prospereranno.”Detto questo, imploro il perdono di Allah sia per me per voi.* * *Lode ad Allah, Signore dell’Universo, che la salvezza e le benedizioni di Allah siano conferite all’onesto Profeta, alla sua famiglia, ai suoi compagni e alla loro giustizia fino all’Ultimo Giorno.Quindi i miei fratelli nell’Islam!Tra gli aspetti ripugnanti dal Sentiero di Allah, Gloria a Lui, c’è questa contraddizione tra parole e azioni. A ciò si aggiunge il fatto di rivendicare il lealismo e il pacifismo da parte di coloro che enfatizzano la forma disinteressandosi alla sostanza e dando prevalenza alle apparenze a discapito dell’essenza, anche se non sono, umanamente o moralmente, l’altezza per diventare modelli da seguire. Quello il cui aspetto formale non compromette comportamentalmente con i precetti dell’Islam, è uno dei fattori distruttivi che respingono la religione di Allah, Gloria a Lui. A tali persone si applica il profetico hadith: “Tra voi ci sono repulsori”Se l’uomo ha l’apparenza di un religioso, ma ha cattivi discorsi, bugie, tradimenti, consumo illecito di beni delle persone, allora questa persona è tra gli ipocriti. Questo è davvero il caso dei gruppi perduti che manipolano la religione di Allah, Gloria a Lui, sebbene siano i grandi protettori del terrorismo e dei suoi protettori. I leader di questi gruppi cercano di rovesciare e indebolire gli Stati, il che renderebbe più facile per loro, secondo ciò in cui credono, arrivare al potere in quei paesi. Usano per questo scopo, tutti i mezzi.A tali persone, che limitano la religiosità nel capitolo degli atti religiosi, e si sforzano di realizzarle, nonostante il loro fraintendimento della religione, eccessi nella scomunica, per abbattere le persone. Questa era la condotta dei Kharijiti che erano i più regolari e assidui nella preghiera, nel digiuno e in altri atti di culto. Ma non erano veramente interessati alla scienza legale che poteva impedire loro di soffiare il sangue. Se stessero cercando la scienza, non avrebbero portato lacrime alle persone. L’islam è la religione della misericordia nel pieno senso del termine. Tutto cio’ che vi fa allontanare dalla misericordia, vi fa allontanare dall’Islam. Si dice che la condotta di un uomo tra mille uomini sia migliore del dire di mille uomini a un solo uomo. O Allah, mostraci la verità e aiutaci a seguirlo.Facci vedere il torto e aiutaci ad evitarlo.