Notizie

L’Islam: lavoro e comportamento “Esempi delle vite dei seguaci ”

Lode ad Allah, Signore dei mondi, che disse nel suo Nobile Corano:” Coloro che verranno dopo di loro diranno: “Signore, perdona noi e i nostri fratelli che ci hanno preceduto nella fede, e non porre nei nostri cuori alcun rancore verso i credenti. Signor nostro, Tu sei dolce e misericordioso”

Rendo testimonianza che non esiste divinità oltre Allah, l’Uno senza alcun associato, e che il nostro Maestro e Profeta Mohammad è il Suo servitore e messaggero. O Allah, concedi la tua pace e benedizioni a lui, alla sua famiglia, ai suoi compagni e a coloro che li seguono con rettitudine fino all’Ultimo GiornoSeguitando in merito,Allah, Gloria a Lui, sceglie tra i Suoi servi ciò chi lavorano per la Sua religione e sono fedeli a Lui e al Suo messaggio. Il Profeta (Psbl) informa che i migliori di questa comunità sono i suoi compagni (che Allah sia contento di loro), e i seguaci di questi compagni. Secondo Abdullah Ibn Massoud (che Allah sia contento di lui), il Profeta (Pbsl) disse:”La migliore generazione dei compagni è mia, poi la prossima e poi la prossima”.Questi compagni, élite, chiamati “buoni”, sono portatori di scienza, da cui dissipano la deviazione degli estremisti, l’innovazione delle persone dai falsi e l’interpretazione errata degli ignoranti. Allah, Gloria a Lui, li ha resi omaggio ai Compagni del Profeta (Pbsl), qualificandoli come benefattori e accettandoli. Preparò per loro i giardini sotto i quali scorrono fiumi dicendo: “Allah Si è compiaciuto dell’avanguardia degli Emigrati e degli Ausiliari e di coloro che li hanno seguiti fedelmente, ed essi sono compiaciuti di Lui. Per loro ha preparato Giardini in cui scorrono i ruscelli dove rimarranno in perpetuo. Questo è il successo immenso.”

Quei seguaci furono i più vicini all’era del Profeta (Pbsl), furono la seconda generazione dopo quella dei compagni del Profeta, dopo di loro arrivo’ la prossima generazione dei seguaci (che Allah si compiaccia di loro). A questo proposito, affermo’ l’Imam Al Bosseiri: furono tutti ispirati dal Messaggero di Allah

Abbondante irrigazione del mare o una leggera pioggia. Quanti seguaci avevano accompagnato i Compagni (che Allah sia contento di loro) da loro avevano imparato la scienza. I compagni testimoniarono il loro favore sia della grazia che della conoscenza.La testimonianza di Ibn Omar (che Allah sia contento di lui) a favore di Said Ibn Al Mossayeb (che Allah sia soddisfatto di lui) è citata a questo proposito:”Giuro su Allah che è uno dei Mufti(giuristi islamici), dicendo anche:”Chiedete a Said Ibn Al Mossayeb, ha accompagnato i virtuosi. Ha detto che ha dato fatwa in presenza dei compagni.”Alla Mecca, ‘Attaa Ibn Abu Rabbah condosse sessioni di fatwa dopo la morte dello studioso della comunità Abdullah Ibn Abbas (che Allah sia contento di lui e di suo padre). Quando Abdullah Ibn Omar(che Allah sia contento di lui e di suo padre) venne alla Mecca, la gente lo interrogò, disse loro: O Meccani, voi mi preparate le domande mentre c’e’ in mezzo a voi Attaa Ibn Abu Rabbah?Quanti seguaci furono resi noti dall’amore che portarono al Profeta (Pbsl). Al Hassan Al Bassri, quando recitò l’Hadith relativo alla storia della nostalgia del tronco dell’albero per il Profeta (Pbsl), disse:” O servi di Allah! Il tronco dell’albero è nostalgico per il Profeta (Pbsl), a priori, dovete essere più appassionati per lui. L’Imam Malek è stato interrogato: quando hai saputo di Abu Ayoub As-Sechtiani? Ha risposto: ha fatto due volte il pellegrinaggio due volte senza ascoltarlo, l’ho appena guardato.”

Ma quando fu menzionato il nome del Profeta (Pbsl), pianse finché non provai pietà per lui. A causa della loro stima per il Profeta (Pbsl), riportarono i suoi Hadith solo a un buon ritmo e con un aspetto migliore. I loro seguaci furono così formati. Abu Salmah Al Khozai (che Allah sia contento di lui) disse: Quando Malek Ibn Anas voleva uscire per recitare gli hadith, compiva abluzioni quanto quelle per la preghiera. Indossava i suoi abiti migliori, si pettinava la barba. Lo abbiamo chiesto su questo argomento, disse: Con questo atteggiamento rendo omaggio all’Haddith del Messaggero di Allah (Pbsl).

Ce ne sono alcuni che il Profeta (Pbsl) chiamò uomini buoni come Oweis Al Qarni che era molto grato a sua madre. Il Profeta (Pbsl) lo ha evocato ai suoi Compagni come un uomo le cui evocazioni ricevono risposta. Secondo Omar Ibn Al Khattab (che Allah sia contento di lui): ho sentito il Profeta (Pbsl) dire: “Tra i migliori seguaci ci sarà un uomo di nome Oweis, vive con suo madre. Ha la pelle bianca. Comandagli di invitare Allah a perdonarti.”

Quando gli yemeniti arrivarono a Omar, lo stava cercando tra loro. Quando lo incontrò, gli chiese di perdonarlo. Oweis disse a Omar: Sei tu che dovresti piuttosto invocare perdono a mio favore; sei il Compagno del Messaggero di Allah (Pbsl). Omar ha insistito sul fatto che Oweis chiedesse perdono a suo favore.

È grazie ai compagni del Messaggero di Allah (Pbsl), I seguaci impararono il vero Islam. Imam Al Hassan Al Bassri (che la pace di Alla sia sulla sua anima), uno dei grandi seguaci, quando gli fu chiesto: Sei un credente? Rispose: Esistono due tipi di fede: se mi chiedi di credere in Allah, i suoi angeli, i suoi libri, i suoi messaggeri, in paradiso, la risurrezione e il Giudizio Finale, io sono credente. Se mi fai la domanda sul detto di Allah, Gloria a Lui”I veri credenti sono quelli il cui cuore trema quando si menziona Allah. E quando i Suoi versi vengono recitati per loro, aumenta la loro fede. E ripongono la loro fiducia nel loro Signore. Coloro che eseguono Salat e spendono [nel sentimento di Allah] di ciò che abbiamo loro attribuito. Questi sono, in verità, i credenti: », giuro su Allah che non so se sono tra loro o no. Al Beihaqi disse: Al Hassan non esita per la base della fede, ma riflette sulla perfezione della fede dalla quale Allah promette ai credenti del Paradiso nel Suo detto: “a loro di (alti) gradi al loro Signore, oltre al perdono e alla generosa dotazione.”

Sufian Al Thawry(che la pace di Allah sia sulla sua anima) disse: Per noi, la vera scienza sta nel trovare il permesso in prova autentica. Per quanto riguarda l’impegno rigoroso, tutti lo possono implementare. Al Azraq Ibn Qais disse:”Eravamo sul bordo di un fiume ad Ahwaz la cui acqua si stava prosciugando

Abu Barazah Al Aslami è venuto su un cavallo, ha pregato lasciando il cavallo accanto. Il cavallo saltò, quindi interruppe la sua preghiera, seguì il cavallo, lo prese e tornò per completare la sua preghiera. Tra noi c’era un uomo istruito che ha detto, guarda questo vecchio che ha interrotto la sua preghiera a causa di un cavallo. L’uomo tornò dicendo: Per Allah, nessuno mi rimproverò per la morte del Messaggero di Allah (Pbsl).Continuò: la mia casa è lontana. Se avessi continuato la mia preghiera lasciando il mio cavallo, non sarei stato in grado di tornare alla mia famiglia fino al calar della notte. Sono ispirato nel mio comportamento dal Profeta (Pbsl) che, quando gli è stata offerta un’opzione tra due cose, ha optato per la più facile, a meno che non sia un peccato. Fu il Profeta (Pbsl) che disse: “rendilo facile, non renderlo difficile, porta la buona notizia e non la cattiva” e “quando la flessibilità è in una societa’, la abbellisce e quando manca in un caso, lo rende cattivo”.Hanno anche implementato i comportamenti della misericordia, della solidarietà e dell’affetto verso gli altri in modo pratico nella loro vita. Ali Ibn Al Hussein Ibn Ali (che Allah sia contento di lui) ha dato ampiamente tanti soldi ai poveri in modo segreto senza che nessuno lo conoscesse. Quando mori’, i poveri persero il loro padrino. E durante i rituali del suo funerale, trovarono delle tracce sulla sua schiena e sulle spalle, perche’ portava i cibi e tante cose ai poveri con le proprie mani. Si è quindi realizzato che era lui che veniva da loro di notte. È stato riferito che era responsabile delle spese di un centinaio di famiglie a Medina.

I seguaci furono solidali ed emotive non solo nei confronti dei musulmani, ma anche dei non musulmani. Il nostro maestro Omar Ibn Abdel Aziz scrisse al suo prefetto a Bossera: esamina i detentori di patti nel vostro dipartimento, in particolare quello dell’età avanzata, della forza precaria e dei profitti mancati. Dedicagli dal Tesoro la giusta quantità.

È ispirato a questo proposito dall’atteggiamento di Omar Ibn Al Khattab (che Allah sia contento di lui) quando vide un vecchio del Popolo del Libro impegnato a chiedere l’elemosina. Omar disse: Per Allah, non eravamo giusti con lui quando abbiamo mangiato il frutto della sua giovinezza e poi abbiamo umiliato la sua vecchiaia”. Quindi gli diede un pagamento mensile dalla Casa del Tesoro.

Nel suo patto con gli abitanti di Hiraa, Khaled Ibn Al Walid (che Allah sia contento di lui), incluse: Chiedo che quando si tratta di un vecchio incapace di lavorare o soffrire di ‘un handicap, o un uomo ricco che è impoverito, sarà a spese della Casa del Tesoro”. Seguirono tutti l’esempio del Messaggero di Allah (Pbsl) e applicarono la vera religione. Allah, Gloria a Lui, disse: “Allah non ti proibisce di essere benefico ed equo nei confronti di coloro che non ti hanno combattuto per la religione e non ti hanno cacciato dalle tue case. Allah ama le persone eque”.

La loro misericordia non era limitata all’uomo; si estendeva all’animale e all’uccello, tra gli altri. Omar Ibn Abdel Aziz scrisse al suo prefetto in Egitto:”Sono informato che in Egitto ci sono cammelli da trasporto, ognuno di essi porta 1000 ratl (circa 400 chili). Quando ricevi i miei scritti, assicurati che il carico di un cammello non superi i 600 ratl (circa 250 kg.). Dia ordini agli uomini di trattare con ringraziamenti i cammelli, non di umiliarli. Omar si ispira alla condotta del Messaggero di Allah (Pbsl) quando disse al titolare del cammello: “Abbi pietà per questa bestia che Allah ti ha concesso, perché mi sono lamentato della sua sventura e sofferenza.”

Detto questo, imploro il perdono di Allah sia per me che per voi***Lode ad Allah, Signore dell’Universo, che la pace e le benedizioni di Allah siano conferite all’onesto Profeta, alla sua famiglia, ai suoi compagni e ai loro giusti seguaci fino all’Ultimo Giorno.Quindi … i miei fratelli nell’Islam!

Tra le più grandi qualità dei  seguaci del Profeta (Pbsl), c’è la tolleranza e l’indulgenza verso le persone. Erano i più flessibili ed emotivi riguardo ai loro colloqui. Secondo Qatada (che Allah sia contento di lui), siamo entrati nella casa di Al Hassan Al Bassri mentre dormiva, accanto alla sua testa c’era un cestino. L’abbiamo tirato.C’erano pane e frutta. Ci siamo arresi per mangiarlo. Si svegliò, ci vide, sorrise e cominciò a leggere “o quelle (case) dei tuoi amici; non c’è imbarazzo per te. ” Secondo Djarir Ibn Hazem (che Allah sia contento di lui): siamo rimasti da Al Hassan fino a mezzogiorno. Suo figlio ci disse: lascia stare lo sceicco. Non ha mangiato o bevuto nulla. Al Hassan disse a suo figlio: Lasciali soli, da parte di Allah, mi piace solo la loro vista. Ciò mostra la negazione di sé, la buona conoscenza della virtù della scienza e il valore della religione di Allah, Gloria a Lui, per le anime. Questo dovrebbe essere una morale per ciò che viene avanti per parlare alla gente della religione di Allah. Il suo discorso deve essere basato sulla scienza, altrimenti andrà fuori strada e diventera’ fuorviato. Il Profeta (Pbsl) disse: “Allah, Gloria a Lui, non strappa la scienza dalle anime dei servi. Lo strappa con la morte dei scienziati. Quando gli scienziati sono assolutamente carenti, la gente prenderà élite ignoranti. Quando vengono interrogati, daranno fatwa senza erudizione per fuorviare e allontanarsi”.

I seguaci erano modelli per i loro successori. L’Imam Malek Ibn Anas (che Allah sia contento di lui) è stato uno dei seguaci. Abu Jaffer Al Mansour gli ha chiesto di scrivere il libro di Al Mowata per diffonderlo nei vari paesi musulmani, dicendo: Ho intenzione di fare copie del tuo libro e inviarne uno in ogni paese. Ho intenzione di ordinare loro di implementarlo senza andare oltre in materia di hadith, perché sento che la base della scienza è la diffusione dai medinani. Malek disse, ma no, o comandante dei credenti. La gente aveva ricevuto detti, hanno ascoltato hadith, ognuno di loro aveva adottato ciò che aveva ricevuto per primo, lo aveva messo in vigore e lo aveva scelto separatamente dagli altri. Respingerli da ciò che credono sia rigore. Lascia che le persone si comportino secondo ciò in cui credono. Al Mansour disse: giuro che se mi segui su questo argomento, lo ordinerò. Un resoconto dell’Imam Ach-Shafi’i è dato come un’illustrazione di modestia e buona comprensione. Il suo discepolo Younes Ibn Abdel ‘Ala. Younes lasciò arrabbiata l’assemblea del suo padrone. Di notte, Younes sentì una voce sbattere alla sua porta. Disse, chi è alla porta? Ash-Shafi rispose: è Mohamad Ibn Idriss. Younes ha detto: ho pensato anche a tutti i chiamati tranne Al Ash-shafii. Quando ho aperto la porta, sono stato sorpreso di vederlo . Al Ash-shafii disse: O Younes! Centinaia di domande ci riuniscono e solo uno ci disunisce !!! Younes, non tentare di trionfare in tutte le controversie. A volte vincere i cuori è meglio che vincere le situazioni. Younes, non demolire i ponti che hai costruito e preparato, potresti mai aver bisogno di tornare di nuovo. Lo odio e non odio il suo autore. Odia la disobbedienza con tutto il tuo cuore, ma perdona il disobbediente. Younes, critica quello che dice, ma rispetta ciò che dice. La nostra missione è di sterminare la malattia e non i malati.

Possa Allah accettare la sua misericordia, Ash-shafie, che disse; Adoro i virtuosi, anche se non ne faccio parte.Possa io, grazie a loro, avere intercessione. Odio quelli il cui commercio è la disobbedienza anche se condividiamo gli stessi prodotti.

I nostri nobili dotti hanno preso la stessa strada. Erano i modelli giusti da seguire per sopportare la religione di Allah, per comprenderla correttamente, per essere caratterizzata dalla propria morale e per trasmetterla a tutta l’umanità con saggezza e buona esortazione. O Allah, mettici tra quelli che lo ascoltano e adottano il meglio. Questi sono guidati da Allah e quelli dotati di ragione.

 

Esempi brillanti della vita dei Compagni del Profeta(Pbsl)

Lode ad Allah, Signore dei mondi, che dice nel nobile Corano:” Allah si è compiaciuto dell’avanguardia degli Emigrati e degli Ausiliari e di coloro che li hanno seguiti fedelmente, ed essi sono compiaciuti di Lui. Per loro ha preparato Giardini in cui scorrono i ruscelli dove rimarranno in perpetuo. Questo è il successo immenso.”

Rendo testimonianza che non esiste divinità oltre Allah, l’Uno senza alcun associato, e che il nostro Maestro e Profeta Mohammad è il Suo servitore e messaggero . O Allah, concedi la tua pace e benedizioni a lui, alla sua famiglia, ai suoi compagni e a coloro che li seguono con rettitudine fino all’Ultimo GiornoSeguitando in merito,

Allah, l’Altissimo, scelse i profeti e i messaggeri dai creati, e di questo Allah, l’Onnipotente, disse:”Allah sceglie messaggeri tra gli angeli e tra gli uomini. In verità, Allah tutto ascolta e osserva.”

Allah scelse anche per loro dei sostenitori per diffondere i suoi messaggi. Allah l’altissimo ha scelto al Suo Profeta (Pbsl) uomini puri, e compagni buoni e sinceri, hanno creduto in lui e li hanno sostenuto. Hanno imparato ed furono educato con le mani del Profeta (Pbsl). Abdullah bin Mas’ud (che Allah sia soddisfatto di lui) disse:”Allah ha guardato al cuore delle persone, e ha trovato il cuore di Mohammad (Pbsl) è il migliore cuore delle persone, così Egli lo ha scelto per se stesso e lo ha mandato il suo messaggio, e poi ha guardato al cuore della gente dopo cuore di Mohammad (Pbsl), e ha trovato il cuore dei i suoi compagni i migliori cuori buoni della gente, perciò sono stati ministri del Profeta, difendere per la religione.” Percio’ erano        (Che Allah si compiaccia di loro) i piu’ sinceri, i piu’ informati, i piu’ attivi, e i piu’ fedeli, perciò la loro fede e la loro scienza era forte, portavano la bandiera della religione per le parti del mondo. Una generazione distinta nel cambiare il volto della vita, ha portato la luce del messaggero di Allah (Pbsl) a tutto il mondo, meritavano la stima di Allah, l’Onnipotente. Narrato da Ibn Abbas che il versetto coranico:” Di’: “Lode ad Allah e pace sui Suoi servi che ha prescelti!”. È migliore Allah o quel che Gli associano?” Indicava I compagni del Profeta(Pbsl) che Allah prescelse per per il suo Profeta(Pbsl). Loro imparono l’Islam dalla pura fonte e adottarono la via retta.”

La vita dei compagni e’ ricca dei brillanti comportamenti che rappresentano la corretta implementazione dei precetti del vero Islam, tra i quali ricordiamo: La grazia e la clemenza. Il Profeta(Pbsl) ha seminato nello spirito dei compagni la clemenza. Si narra che,una volta, un compagno che si chiamava Ibn Hessn vide Omar Bin Al Khatab mentre baciava uno dei suoi figli. Gli chiese: Baci il figlio, e tu sei il Califfo? Se fossi un califfo, non avrei mai baciato uno dei miei figli! Omar rispose: Allah tolse la grazia dal tuo cuore! Allah e’ clemente con i servi clementi.

Omar seguiva l’esempio del Profeta(Pbsl) quando questo baciava Al Hassan, e uno dei compagni fu sorpreso. Il Profeta(Pbsl) gli spiego’:” Chi non ha grazia nel cuore, nussuno avra’ pieta’ verso di lui.”

I compagni erano anche un bel esempio da seguire nella tolloranza e nel perdono. Di questo citiamo l’esempio di Abu Bakr quando era tollerante nei confronti di Mossatah bin Asasa( una persona della gente che parlava male della signora Aisha). E si narra che Abu Bakr dava delle elimosine a Mossatah, perche’ era uno dei suoi parenti. Abu Bakr quando Mossatah disse calunnie e cercava di disonorare la reputazione della signora Aisha,  voleva dare elimosina a quel Mosattah, ma Allah,l’Onnipotente, fece scendere un versetto coranico per insegnare i credenti la tolleranza e il perdondo, dicendo:” Coloro di voi che godono di favore e agiatezza, non giurino di non darne ai parenti, ai poveri e a coloro che emigrano sul sentiero di Allah. Perdonino e passino oltre! Non desiderate che Allah vi perdoni? Allah è perdonatore, misericordioso.”

Secondo esempio dei caratteri dei compagni e’ quello della competizione fra loro nel fare del bene verso la gente e erano molto attivi nel farlo. Di questo disse il Profeta(Pbsl):”Se chiedete ad Allah, chiedete Al Firdaus che si trova al mezzo del Paradiso, e al di sopra di esso si trova il Trono di Allah, da esso sorgono i fiumi”, per questo motivo i compagni del Profeta facevano le migliori azioni, e di questo disse Omar bin Khattab (che Allah sia soddisfatto di lui) dice, il Messaggero di Allah (Pbsl) ci ha ordinato a dare elemosina ai poveri, ho detto, voglio precedere Abu Bakr in questo, ho speso metà dei miei soldi, mi ha detto il profeta, quanto hai lasciato alla tua famiglia? ho detto metà dei miei soldi , il profeta ha detto Abu Bakr (che Allah sia soddisfatto di lui) ha speso tutti i suoi soldi, gli disse il Messaggero di Allah (Pbsl):(Cosa hai lasciato alla tua famiglia). Abu Bakr ha detto:(Ho lasciato a loro Allah e il Suo Messaggero), ho detto: Io non posso precederti in qualcosa).

Si narra anche che uno dei compagni passava la notte a casa del Profeta(Pbsl). Il compagno servi’ l’acqua al Profeta per Al Woduu, il Profeta gli disse:” chiedi a me quello che vuoi?” il compagno rispose:”voglio essere al tuo fianco nel Paradiso”. Il Profeta disse:”fa tante preghiere e sarai con me.”

Erano anche un bel modello dell’altruismo, e di questo narra Abu Huraira(Che Allah si compiaccia di lui):”Un uomo venne dal Messaggero di Allah (Pbsl) e disse:”O Messaggero di Allah, Soffro di stanchezza e fame”. Il Profeta (Pbsl) mandò (qualcuno) alle sue mogli (per ottenere qualcosa), ma il Messaggero non trovò nulla con loro. Quindi il Messaggero(Pbsl) disse(ai suoi compagni).”Non c’è nessuno che può intrattenere quest’uomo stasera in modo che Allah possa essere misericordioso con lui?” Un uomo dagli Ansari si alzò e disse:”Io (lo farò divertire), O Messaggero(Pbsl)!” Quindi andò da sua moglie e le disse: “Questo è l’ospite del Messaggero di Allah(Pbsl), quindi non tenere nulla lontano da lui.” Lei disse. “Per Allah, non ho altro che il cibo dei bambini.” Disse: “Quando i bambini chiedono la loro cena, mettili a letto e spegni la luce; stasera non prenderemo i nostri pasti”, lo fece. Al mattino l’uomo Ansari andò dal Messaggero di Allah (Pbsl) che disse: “Allah era content (o ha conferito la sua misericordia) a così-e-così e sua moglie(a causa della loro buona azione)”. Allah rivelò: “Ma dai loro la preferenza su se stessi, anche se ne avevano bisogno”. Un altro esempio brillante che rappresenta l’altruismo, uno degli ansari offri a un compagno emigrato di dividere le proprie proprieta’ con lui, ma l’emigrate rifiuto’ chiedendo di guidarlo al mercato per lavorare e guadagnare il denaro con le sue mani.  Un altro comportamento era tra l’etica dei compagni, e’ quello della confessione degli sbagli che avevano commesso. Di questo Abu Mas’ud [Al-Ansari] ha detto:”Stavo picchiando uno dei miei schiavi e ho sentito qualcuno alle mie spalle dire: ‘Attento O Abu Mas’ud! Attento O Abu Mas’ud!’ Quindi mi voltai e vidi che era il Messaggero di Allah. Disse: “Allah ha più potere su di te di quanto tu non faccia su di lui”. Abu Mas’ud ha dichiarato: “Da allora non ho più picchiato nessuno dei miei schiavi.” Inoltre, il Profeta semino’ nelle anime dei compagni la  soddisfazione delle alleanze. Narrato da Amr ibn Abasah che c’era un’alleanza tra Muawiya e i bizantini, e stava andando verso il loro paese, e quando l’alleanza giunse al termine, li attaccò. Un uomo venne su un cavallo o un cavallo da soma dicendo: Allah è il più grande, Allah è il più grande; lascia che ci sia fedeltà e non tradimento. E quando guardarono, scoprirono che era Amr ibn Abasah. Mu’awiyah lo chiamò e lo interrogò (a tale proposito). Ha detto: Ho sentito il Messaggero di Allah (Pbsl) dire: Quando uno ha stretto un’alleanza con le persone, non deve rafforzarla o allentarla fino alla fine del suo mandato o alla fine, in accordo con loro (per fare entrambe le cose parti uguali). Quindi Mu’awiyah tornò. Dico questo e chiedo il perdono di Allah per me e per voi***

Lode ad Allah, Signore dei mondi, testimonio che non c’e’ Dio che Allah, L’Unico, e testimonio che il nostro Maestro e Profeta Muhammad e’ il suo Servitore e Messagero, Pace e benedizioni di Allah su di Lui e sulla sua famiglia e sui suoi compagni e su tutti che li seguino con carita’ fino al giorno del Giudizio Universale.

Sorelle e fratelli nell’Islam:

I compagni del Profeta(che Allah si compiaccia di loro) erano un bel esempio da seguire nella ricostruzione della vita mondana, implementando i pilastri della religione. Ognuno di loro aveva un lavoro da fare e da perfezionare.Tra loro c’era il commerciante, il leader, lo studioso,… etc. Di questo il Profeta(Pbsl) disse:”Il più misericordioso della mia nazione verso la mia nazione è Abu Bakr, e il più severo riguardo all’ordine di Allah è ‘Umar, e il più veramente modesto di essi è’ Uthman bin Affan. Il miglior narratore (del Corano) tra loro è Ubayy bin Ka’b, il più ben informato di loro riguardo alle (leggi islamiche) è Zaid bin Thabit, il più ben informato di loro riguardo al lecito e all’illegale è Mu’adh bin Jabal. Davvero, ogni nazione ne ha una degna di fiducia, e quella degna di fiducia di questa nazione è Abu ‘Ubaidah bin Al-Jarrah.”Il Profeta incoraggiava i compagni a perfezionare i loro lavori per avere dei buoni risultati e frutti. Narrato ‘Abdur-Rahman bin Samurah: che “Uthman andò dal Profeta (Pbsl) con mille dinari” – Al-Hasan bin Waqi(uno dei narratori) disse:”E in un altro posto nel mio libro:”Nel suo abito quando”l’esercito dell’angoscia” era in preparazione. Quindi se li versò in grembo. Abdur-Rahman disse: “Così ho visto il Profeta (Pbsl) rigirarli in grembo, dicendo:”Qualunque cosa faccia Uthman dopo oggi non gli farà del male” due volte. Tra le virtu’ dei compagni ricordiamo anche l’osservazione degli ordini di Allah, in paricolare questi ordini che fanno i credenti guadagnare il denaro con mezzi leciti. Garir bin AbdAllah(che Allah si compiaccia di lui) ordino’ il servo di comparare un cavallo. Il servo ha comparato il cavallo a trecento dirham. Garir ha detto al titolare del cavallo:” Questo merita piu’ di trecento dirham, vuoi venderlo con otto cento dirham? E poi aggiunse:” Ho promesso il Profeta di dare il consiglio ad ogni musulmano.” Cosi ognuno dei compagni rispettava i diritti degli altri e adempieva gli impegni verso di loro. Si narra che Omar Bin Al Khat s’era nominato giudice sotto il califfato di Abu Bakr, e un giorno chiese ad Abu Bakr di licezionarlo  perche’ durante il primo anno del mandato di Umar, nessuno gli fece domanda. Umar (che Allah sia contento di lui) disse: O Califfo, vorrei lasciare il mio posto come giudice! Non avete bisogno di un giudice, perche’ ciascun musulmano nella comunita’ ha amato  suo fratello ciò che ama per se stesso, se uno e’ malato, tutti vanno a visitarlo e gli offre il suppurto, tutti rispettano la religione, la verita’, vietano il male, non rompono le leggi, percio’ non vanno dal giudice!!Quanto abbiamo bisogno di seguire la morale dei questi grandi moduli dei compagni del Profeta(pbsl), e presentare la vera immagine dell’Islam, religione della grazia, della tolleranza, dell’umanita’, della pace e della sicurezza per tutta la gente. O Allah, proteggi il nostro paese, la nostra patria, il nostro popolo, il nostro esercito e la nostra polizia. O Allah, fa dell’Egitto un paese prospero e benevole e fa tutto il mondo vivere in pace, O Allah, signore dei mondi.

La Vita del Profeta (Pbsl), un modello pratico del vero Islam

Lode ad Allah, Signore dei mondi che dice nel Nobile Corano: “Avete nel Messaggero di Allah un bell’esempio per voi, per chi spera in Allah e nell’Ultimo Giorno e ricorda Allah frequentemente”. Rendo testimonianza che non esiste divinità oltre Allah, l’Uno senza alcun associato, e che il nostro Maestro e Profeta Mohammad è il Suo servitore e messaggero. O Allah, concedi la tua pace e benedizioni a lui, alla sua famiglia, ai suoi compagni e a coloro che li seguono con rettitudine fino all’Ultimo Giorno

Seguitando in merito,

Allah (l’Onnipotente) ha inviato il suo Messaggero Mohammad (Pbsl) come guida e predicatore, con un messagio universale e pratico in tutti i tempi e luoghi. Percio’ il Profeta (Pbsl) era un esempio, bello, pratico e giusto  della religione dell’Islam. Il Profeta(Pbsl) applicava tutti i precetti e metodi del Corano in tutti i suoi repporti, comportamenti e atteggiamenti con la gente senza discriminazione tra razza, colore, o credo. Quando Aisha, la madre dei credenti fu chiesta sull’etica del Profeta( Pbsl), rispose:”Il Corano era la sua etica.”

Cotemplando la vita del Profeta(Pbsl), scopriamo che era un modello e guida in tutti le proprie azioni, nelle parole, e in tutti I suoi comportamenti. Era sincero e  fedele  in tutta la sua vita tanto che la propria tribu’ gli ha conferito il titolo: Il sincero fedele.Di questo disse il Poeta Shawqi:

Da giovane l’avete gia’ chiamato il fedeleIl fedele non dice mai delle bugieQuando Ercole, il re di Bizantino, convocò Abu Sufyan ibn Harb – prima del suo Islam – per chiedergli del Messaggero di Allah (Pbsl), vi fu un lungo dialogo tra loro, secondo il quale Ercole disse ad Abu Sufyan:
Abu Sufyan aggiunse: “Per Allah! Se non avessi avuto paura che i miei compagni mi etichettassero bugiardo, non avrei detto la verità su Mohammad. La prima domanda che mi fece su di lui fu: “Qual è lo stato della sua famiglia tra di voi?” Risposi: “Appartiene a una buona (nobile) famiglia tra noi”. Eraclio chiese inoltre: “Qualcuno di voi ha mai rivendicato la stessa cosa (cioè essere un profeta) prima di lui?” Ho risposto, “No.” Disse: “Qualcuno tra i suoi antenati era un re?” Ho risposto, “No.” Eraclio chiese: “I nobili o i poveri lo seguono?” Risposi: “Sono i poveri che lo seguono”. Disse: “I suoi seguaci stanno diminuendo (di giorno in giorno)?” Risposi: “Stanno aumentando”. Ha poi chiesto: “Qualcuno tra coloro che abbracciano la sua religione diventa scontento e rinuncia alla religione in seguito?” Ho risposto, “No.” Eraclio disse: “L’hai mai accusato di aver detto bugie prima della sua pretesa (di essere un profeta)?” Ho risposto, ‘No. ‘ Eraclio disse: “Non infrange le sue promesse?” Ho risposto, ‘No. Siamo in tregua con lui, ma non sappiamo cosa ci farà. ” Non riuscivo a trovare l’opportunità di dire qualcosa contro di lui tranne quello. La fedelta’ s’era incarnata nella personalita’ del Profeta Mohammad, particolarmente, nella notte dell’Egira, cioe’ la notte dell’emigrazione da Mekka a Medina, quando il Profeta(Pbsl) chiese ad Ali bin Abi Taleb di dormire al suo letto al posto suo e di restituire i depositi ai loro titolari malgardo lo stato di nemicizia nei confronti del Profeta(Pbsl) e nei confronti dei suoi compagni. Da questo,possiamo capire che il credente non puo’ essere traditore se anche nei confronti dei nemici. Di questo dice il Nobile Corano:”E se veramente temi il tradimento da parte di un popolo, denunciane l’alleanza in tutta lealtà, ché veramente Allah non ama i traditori”

Anche il Profeta(Pbsl) disse:” devi restituire i depositi ai loro titolari,  e non tradisci quello che t’ha gia’ tradito”

Il Profeta era sempre fedele a tutta la gente, non dimenticava mai i favori fatti dagli altri a lui, e la sua ricompensa era immensa, e di questo disse il Profeta(Pbsl):”Non c’è nessun favore dovuto a noi da nessuno, tranne che lo abbiamo ripagato, ad eccezione di Abu Bakr. In verità su di noi, c’è un favore dovuto a lui, che Allah farà ripagarlo nel Giorno del Giudizio. Nessuna ricchezza di nessuno ha beneficiato come la ricchezza di Abu Bakr mi ha beneficiato. E se dovessi prendere un amico favorito, allora prenderei Abu Bakr come amico favorito, e in effetti il ​​tuo compagno è amico di Allah.”

Tra gli aspetti della sincerita’ e della fedelta’ del Profeta(Pbsl) ricordiamo il suo affetto verso Khadija, la madre di credenti        (Che Allah si compiaccia di Lei). Il Profeta l’amava e la stimava nella sua vita e dopo la sua morte. Il fatto che Il Profeta affermo’ dicendo che Khadija lo credeva quando la gente l’aveva lasciato e che gli aveva dato il denaro quando la gente rifiutava.  Di questo disse anche Aisha, moglie del Profeta e madre dei credenti:” Non mi sentivo geloso di nessuna delle mogli del Profeta (Pbsl) tanto quanto facevo di Khadija sebbene non la vedessi, ma il Profeta (Pbsl) la menzionava molto spesso, e quando mai macellava una pecora, avrebbe tagliato le sue parti e le avrebbe inviate alle donne amiche di Khadija.Il Profeta(Pbsl) applicava il versetto coranico:” Comportatevi verso di loro convenientemente. Se provate avversione nei loro confronti, può darsi che abbiate avversione per qualcosa in cui Allah ha riposto un grande bene.” Tra cui anche ricordiamo il suo atteggiamento con i non musulmani nel giorno della battaglia di Badr quando il : Ubair Il Messaggero di Allah (Pbls) disse:” riguardo ai prigionieri di guerra presi a Badr,” Se al-Mut’am bin “Adi fosse vivo e mi parlasse di quei sudici(dato che erano politeisti), li avrei liberati per lui.”Perche’ Motaam Bin Jamil aveva fatto un favore al Profeta quando l’aiuto’ durnate il ritorno del Profeta dal viaggio di Taef. È stato riferito sull’autorità di Hudbaifa b. al-Yaman che ha detto:”Nulla mi ha impedito di essere presente nella Battaglia di Badr, tranne questo incidente. Sono uscito con mio padre Husail (per partecipare alla battaglia), ma siamo stati catturati dai miscredenti di Quraish. Dissero: (Intendi) andare a Mohammad? Abbiamo detto: non intendiamo andare da lui, ma desideriamo andare (indietro) a Medina. Quindi hanno preso da noi un’alleanza in nome di Allah che torneremmo a Medina e non combatteremmo dalla parte di Mohammad. Quindi, siamo venuti al Messaggero di Allah(Pbsl) e gli abbiamo riferito l’incidente. Disse: Entrambi procedete (verso Medina); adempiremo l’alleanza stipulata con loro e cercheremo l’aiuto di Allah contro di loro.”Il Profeta (Pbsl) visse con le sue mogli una buona vita, in cui si manifestavano tutte le immgini di affetto, compassione, umiltà e morbidezza, e il Profeta (Pbsl) non alzava voce in presenza delle sue mogli, e non le comportava mai con superbia, seguitando i precetti del Nobile Corano:” O voi che credete, non vi è lecito ereditare delle mogli contro la loro volontà. Non trattatele con durezza nell’intento di riprendervi parte di quello che avevate donato, a meno che abbiano commesso una palese infamità. Comportatevi verso di loro convenientemente. Se provate avversione nei loro confronti, può darsi che abbiate avversione per qualcosa in cui Allah ha riposto un grande bene.”Il Profeta (Pbsl) era un marito compassionevole, gentile con le sue donne e in una meravigliosa scena umana per un marito affettuoso con sua moglie. Si narra che una volta Safia, la moglie del Profeta venne da lui piangendo. Il Profeta le asciugo’ le lacrime ascoltando la sua storia mentre raccontava d’avere paura perche’ il Profeta gli diede un cammello lento e per questo arrivo’ piu’ tardi. Il Profeta(Pbsl) la consolava e le asciugava le lacrime.

Poiché (Pbsl) era un modello e un buon esempio nei suoi rapporti con i suoi figli e nipoti, ciò che è più grande padre e nonno misericordioso, portava per i suoi figli e nipoti tutti i significati di amore, gentilezza e misericordia, come disse la madre dei Credenti,Aisha (che Allah si compiaccia di lei):”Non ho mai visto nessuno come lui nella misericordia e nella clemenza con i figli e i nipoti.”    Abu Hurayrah (che Allah sia soddisfatto di lui) narro’ che una volta il Profeta bacio’ Al Ahassan bin Ali, e uno dei compagni disse: Ho dieci figli, non ho mai baciato nessuno di loro. Quindi il Profeta disse: Chi non ha pieta’ verso gli altri, nessuno avra’ pieta’ verso di lui.

Si narra che il Profeta, una volta, s’inginocchiò per lungo tempo. I compagni gli chiesero il perche’. Lui(Pbsl) rispose: perche’ c’era uno dei miei figli che cavalcava la mia schiena, e l’ho lasciato per non disturbarlo finche’ e’ sceso dalla mia schiena.

Tuttavia, sottoliniamo che questo non era specifico per i suoi figli e nipoti; ma era un metodo applicato con tutti, senza distinzione. Narrato da Osama bin Zayed (Che Allah si compiaccia di lui e di suo padre) disse: Il Profeta diceva:”O Allah, io voglio bene Hassan e Osama, O Allah, abbi pieta’ di loro”. Anas ibn Malik (che Allah sia soddisfatto di lui), disse:”ho servito il Messaggero di Allah (Pbsl) per dieci anni, e non m’ha mai detto perche’ hai fatto questo o non l’hai fatto”Anche il Profeta (Pbsl) era un bel esempio nel buon trattamento dei suoi compagni. Partecipava nelle loro cerimonie,nella loro gioia, nella loro tristezza, e dava cura a tutti. Di  questo narra Semak bin Harb (che Allah sia contento di lui): Ho detto a Jabir b. Samura: Hai avuto il privilegio di stare seduto in compagnia del Messaggero di Allah (Pbsl)? Disse: Sì, molto frequentemente, e aggiunse: Non si alzò (e se ne andò) dal luogo in cui offrì la preghiera dell’alba fino al sorgere del sole, e dopo il sorgere del sole si alzò e loro (i suoi Compagni ) entrarono in conversazione tra loro e parlarono delle cose (che avevano fatto durante i Giorni dell’ignoranza), e risero (sui loro atti irragionevoli e ridicoli). Il Messaggero di Allah (Pbsl) sorrise solo.Dico questo e chiedo perdono da Allah per me e per voi* * *Lode ad Allah, Signore dell’Universo, che la pace e le benedizioni di Allah siano conferite all’onesto Profeta, alla sua famiglia, ai suoi compagni e ai loro giusti seguaci fino all’Ultimo Giorno.Dunque … i miei fratelli nell’IslamPoiché il Messaggero di Allah (Pbsl) era un modello pratico del vero Islam nella sua umanità, e nell’etica, era anche (Pbsl) un modello nella moderazione.Il contemplatore nelle disposizioni della legge islamica alle quali invito’ il Messaggero di Allah (Pbsl) ad adottare, vede che il metodo di moderazione è chiaro in tutti i suoi comportamenti, come disse la Madre dei Credenti Aisha (che Allah sia contento di lei):”Il Messaggero di Allah, che Allah lo benedica e gli conceda la pace, non gli è mai stata data una scelta tra due cose ma che ha scelto il più facile delle due purché non fosse un’azione sbagliata. Se lo fosse un’azione sbagliata, quindi fu l’ultima persona a farla. Il Messaggero di Allah, che Allah lo benedica e gli conceda la pace, non si vendichi mai per proprio conto. Ma quando il rispetto di Allah Onnipotente viene violato, si vendicherà a nome di Allah Onnipotente “Il Profeta (Pbsl) disse: “La religione è molto facile e chiunque si sovraccarichi nella sua religione non sarà in grado di continuare in quel modo. Quindi non dovresti essere estremisti, ma cerca di essere vicino alla perfezione e ricevere le buone notizie che tu sarà ricompensato e guadagnerai forza adorando la mattina, il pomeriggio e durante le ultime ore delle notti “.      Al fine di mantenere quella moderazione ed equilibrio, avvertì il Profeta (Pbsl) di tutti gli aspetti di iperbole, in particolare l’iperbole nella religiosità, e negò ai compagni (che Allah si compiacia di loro) l’esagerazione nell’adorazione, dicendo:”O gente, attenzione a non fare il massimo in questioni religiose, perché quelli che sono venuti prima di voi sono stati distrutti a causa del loro estremo nelle questioni religiose.”Ciò di cui abbiamo bisogno per seguire il modello del Profeta sulla retta via, e illuminare il percorso dell’umanita’ con il messaggio divino rivelato da Allah per essere una guida a tutti i creati, diffondere il messaggio dell’Islam giusto con compassione, pieta’, grazia, tolleranza, misericordia per il benificio dell’intera umanita’.  O Allah, donaci il tuo amore e l’amore del tuo Messaggero (Pbsl), e aiutaci a fare tutto quello ci avvicina al tuo amore e rende l’Egitto e tutto il mondo sicuro, stabile e pieno di pace.

 

Questo e’ l’Islam

Lode ad Allah, Signore dei Mondi che dice nel suo Nobile Corano:” Chi [potrebbe scegliere] religione migliore di colui che sottomette ad Allah il suo volto, opera il bene e segue sinceramente la religione di Abramo il sincero? Allah prese Abramo per amico.”

Rendo testimonianza che non esiste divinità oltre Allah, l’Uno senza alcun associato, e che il nostro Maestro e Profeta Muhammad è il Suo servitore e messaggero . O Allah, concedi la tua salvezza e benedizioni a lui, alla sua famiglia, ai suoi compagni e a coloro che li seguono con rettitudine fino all’Ultimo GiornoSeguitando in merito,

Il vero Islam è la resa, l’obbedienza e la sottomissione ad Allah (l’Onnipotente). E’ l’amore, il seguire della via retta del nostro Maesrto Mohammad (Pbsl). E’ la buona moralita’, la clemeneza, la misericordia, e il buon comportamento con tutta la gente. L’Islam significa la costruzione, la civilta’ e lo sviluppo. La  religione islamica e’ un metodo di vita che regola tutte le azioni e le attivita’ dei suoi seguaci e fedeli.

L’Islam è una religione che invita alla riforma, la ricostruzione della vita mondana in base ai giusti precetti, e non dannaggiarla in nome della religione. L’Islam e’ la religione della bonta’, della carita’, della pace e della sicurezza per tutta la gente, in tutte le parti del mondo.

Di questo dice Allah, l’Onnipotente:” Non ti mandammo se non come misericordia per il creato.”

Chi studia i pilastri dell’Islam riportati nel discorso di Gabriele(che la pace sia su di lui) quando chiese al Profeta( Pbsl) dicendo:” Parlami dell’Islam! Il Profeta rispose:” L’Islam e’ che devi testimoniare che non c’e’ altro Dio che Allah, e che Mohammed e’ il suo Messagero, e di fare le preghiere,  pagare lo Zakat( cioe’ l’elemosina legale), digiunare Ramadan, e di fare il Pelligrinaggio se potresti farlo.”, si rende conto che essi contribuiscono a costruire una buona personalita’ personale, perche’ l’uomo crede che non c’e’ altro Dio che Allah e che il nostro Mohammaed e’ il suo servitore e messaggero, sforza ad interpretare tale testimonianza in atti d’obbedienza e dell’osservanza degli ordini di Allah, l’Altissimo, evitare i peccati, eseguire tutti gli atti d’adorazione al migliore modo. Inoltre, segue la retta vita del Profeta(Pbsl) e tratta la gente in buon compotamento, modesto e clemente come faceva il Profeta Mohammed( PBSL).La preghiera, che è il più grande pilastro dell’Islam, porta il migliore frutto al credete servitore; perche’ proibisce l’oscenità, il male, lo conduce sulla retta vita di Allah, l’Altissimo. Cosi, il Muslim vive in pace con se stesso e con l’intera comunita’.  Di questo dice L’Onnipotente:” Recita quello che ti è stato rivelato del Libro ed esegui l’orazione. In verità l’orazione preserva dalla turpitudine e da ciò che è riprovevole. Il ricordo di Allah è certo quanto ci sia di più grande. Allah conosce perfettamente quello che operate.” .

     L’esecuzione dello Zakat(cioe’ l’elemosina legale) e’ una parte della fede e comprende degli aspetti umanitari. E’ un’educazione dell’anima e dello spirito, e fa l’uomo capire che il denaro e’ un mezzo non uno scopo. Lo Zakat e’ un mezzo per rafforzare la collaborazione, la bonta’, e la misericodia. La comunita’ islamica non conosce l’avidità ne’ l’egoismo. Il credente e’ generoso, e di questo Allah,l’Onnipotente, disse, lodando gli Ansar:”e [appartiene] a quanti prima di loro abitavano il paese e [vivevano] nella fede, che amano quelli che emigrarono presso di loro e non provano in cuore invidia alcuna per ciò che hanno ricevuto e che [li] preferiscono a loro stessi nonostante siano nel bisogno. Coloro che si preservano dalla loro stessa avidità, questi avranno successo“.

Il Profeta(Pbsl) parla anche del digiuno, dicendo:”
Il digiuno è una protezione per te, quindi quando digiuni, non comportarti in modo osceno o sciocco, e se qualcuno discute con te o ti abusa, dì: “Sto digiunando. Sto digiunando.”

 D’altra parte, il digiuno controlla la morale del musulmano, lo fa osservare gli ordini di Allah, il Vero, in tutti i momenti della vita, lo aiuta d’avere pazienza, di supportare tutte le difficolta’, d’evitare tutto quello contradisce gli ordini divini, e di questo disse il Profeta( Pbsl): Il pellegrinaggio e’ un impegno e comportamento morale prima e dopo di farlo, di questo disse l’Onnipotente:” Il Pellegrinaggio avviene nei mesi ben noti. Chi decide di assolverlo, si astenga dai rapporti sessuali, dalla perversità e dai litigi durante il Pellegrinaggio. Allah conosce il bene che fate. Fate provviste, ma la provvista migliore è il timor di Allah, e temete Me, voi che siete dotati di intelletto” Narrato da Abu Hurayrah (che Allah si compiaccia di lui), disse:”Ho sentito il Profeta (Pace e benedizioni di Allah su di lui), dice:”Chiunque compia Hajj per il piacere di Allah e non ha rapporti sessuali con sua moglie, e non fa male o peccati, allora tornerà (dopo Hajj libero da tutti i peccati) come se fosse nato di nuovo. “

Quindi tutti i pilastri dell’Islam hanno degli aspetti positivi sulla comunita’ e ha lo scopo di diffondere la pace e la sicurezza tra la gente.

Chiunque guardi alla nostra vera religione, si rende conto che si tratta di una religione della morale e il suo messaggio è venuto a completare questi onori, dove il nostro Profeta ( Pbsl) dice: (Sono stato inviato` a completare l’onore della morale), dove l’onestà, la sincerita’, la fedeltà e la giustizia, la generosità, l’aiuto, la magnanimità e la virilità, fermano i danni alle persone, il sollievo del credete e l’aiuto dell’angoscia, rappresentano i corretti obiettivi dell’Islam.Indubbiamente, comprendere l’essenza dell’Islam, conoscere i segreti del suo nobile messaggio,contemplare i suoi nobili scopi e obiettivi, e applicare tutto ciò alla luce degli sviluppi moderni e dei suoi requisiti, è una necessità urgente per affrontare le sfide contemporanee, frenare i gruppi terroristici ed estremisti, assediare il pensiero deviante, rompere i circoli della pietrificazione, dell’inerzia, della chiusura, dell’incomprensione, della mentalità ristretta e uscire da questa ristrettezza verso più ampia,più facile, più matura e piu’ consapenavole, visione a favore degli interessi del paese e delle persone, e la diffusione di alti valori umani che raggiungono la sicurezza, l’incolumità, la pace, la stabilità e la felicità di tutta l’umanità.È uno dei doveri più importanti che tutti i musulmani dovrebbero intraprendere per mostrare a tutti la grandezza della religione islamica, in modo che il mondo intero si renda conto che l’Islam è una religione di pace ed e’ un nome di Allah, l’Onnipotente. Di questo dice il Nobile Corano:”

Di questo Allah, l’Altissimo, dice:”Egli è Allah, Colui all’infuori del Quale non c’è altro dio, il Re, il Santo, la Pace, il Fedele, il Custode, l’Eccelso, Colui Che costringe al Suo volere, Colui Che è cosciente della Sua grandezza. Gloria ad Allah, ben al di là di quanto Gli associano.”

Il saluto dell’Islam e’ la pace, e di questo Allah, dice:”O voi che credete, quando vi lanciate sul sentiero di Allah, siate ben certi, prima di dire a chi vi rivolge il saluto: “Tu non sei credente”, al fine di procacciarvi i beni della vita terrena. Presso Allah c’è bottino più ricco. Già prima eravate così, poi Allah vi ha beneficati. State attenti, ché Allah è perfettamente informato di quello che fate”

Il saluto degli abitanti del paradiso e’ la pace, e di questo dice Allah:”[e diranno]: “Pace su di voi, poiché siete stati perseveranti. Com’è bella la vostra Ultima Dimora”

E il profeta( Pbsl) diceva dopo le preghiere:” O Allah, sei la pace, e da te otteniamo la pace, Benedizioni di Allah, l’Altissimo e il Glorificato e il generoso”

L’Islam è una religione che preserva la dignità umana, vietando le menzogne, le calunnie, il pettegolezzo, l’invidia, l’odio, il disprezzo e il danno in qualsiasi forma; sia azioni, parole, o gesti. Di questo dice:” O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com’è infame l’accusa di iniquità rivolta a chi è credente ! Coloro che non si pentono sono gli iniqui.”Dice il nostro Profeta (Pbsl): Colui che punta un’arma verso suo fratello, gli angeli invocano maledizione su di lui anche se è il suo vero fratello, fintanto che non lo abbandona.” il Profeta (Pbsl) proibì la marcatura in faccia, e quando vide un animale marcato in faccia, disse: (Allah ha maledetto che aveva marcato in faccia questo animale)Quando (Pbsl) è stato chiesto di una donna che stava digiunando, ma lei stava facendo del male ai suoi vicini, lui (Pbsl) ha detto:” È nel fuoco”. Il Profeta( Pbsl) dice anche Chi crede in Allah e nell’Ultimo Giorno, lascia che sia ospitale nei confronti del suo ospite; e chi crede in Allah e nell’Ultimo Giorno, gli permetta di mantenere buoni i legami delle relazioni di sangue; e lui chi crede in Allah e nell’ultimo giorno, deve parlare bene o rimanere in silenzio  Dico questo e chiedo perdono ad Allah per me e per voi.

* * *

Lode ad Allah, il Signore dei Mondi, testimonio che non c’e’ Dio che Allah, l’Unico, e testimonio che il nostro Maestro e Profeta Muhammaed e’ il suo Servitore e Messaggero, pace sull’ultimo Profeta e Messaggero di Allah, e sulla sua famiglia e sui suoi compagni e su quelli che li seguirono con carita’ fino al giorno del Giudizio universale.

Quindi … i miei fratelli nell’Islam

Il Profeta(Pbsl) ha radicato i nobili insegnamenti dell’Islam, la sua nobile morale e i suoi nobili valori nei cuori dei suoi compagni fino a quando non è diventato un modo di vivere tra tutte le persone. In presensa del re dell’Abbissinia, Abu Gaafar bin Abi Teleb spiega questi nobili valori e comportamenti in modo raffinato e prestigioso, Dicendo:(O re, noi eravamo un popolo di idolatri, commettevamo cose abominevoli e il più forte sopraffaceva il più debole Questo accadeva, finché Dio ci inviò un Messaggero scelto tra la nostra gente, una persona di cui conoscevamo la veridicità, l’onestà e l’integrità. Egli ci chiamò ad Allah adorarLo, testimoniare la Sua unicità e rinunciare alle statue e agli idoli. Ci ordinò di parlare senza mentire, di adempiere alle nostre promesse, rispettare i diritti dei nostri vicini e dei nostri parenti e di astenerci dal crimine e dal versar sangueIl vero musulmano non mente, non tradisce, il vero musulmano non ferisce gli altri sia con la parola sia con l’azione. Il Vero credente che la gente vive con lui in pace e sicurezza, senz preoccupazione, senza temerlo. Il vero musulmano e’ quello che mostra la morale dell’Islam in tutti i suoi comportanti, offrendo tutto il bene e la carita’ alla gente. Se vogliamo stabilire una vera definizione del vero musulmano, non troviamo una definizione migliore della precedente difenzione del Profeta(Pbsl):”Il musulmano è quello dalla cui lingua e mano sono al sicuro le persone, e il credente è quello da cui le vite e la ricchezza delle persone sono al sicuro.” Il messaggio dell’Islam è il messaggio dell’umanità, della saggezza, della tolleranza, della compassione, della capacità e e della flessibilità. E’ un messaggio che riunisce, non divide, unisce e non si disperde. È nel cuore dell’Islam, e ciò che si scontra con esso o si scontrano con esso; O Allah, , guidaci verso la migliore etica, facci allontanare dal male, e salva l’Egitto, la sua gente, il suo esercito e la sua polizia da tutti i cattivi,O Allah, il Compassionevole e il Misericordioso.