La buona compagnia e il suo impatto sulla costruzione della personalita’

Lode ad Allah, Signore dell’Universo, che disse nel suo Nobile Corano: “Gli amici, quel giorno, saranno nemici l’uno dell’altro; tranne i pii … “, e testimonio che non c’è divinità oltre ad Allah, l’Unico senza alcun socio, e che il nostro Maestro e Profeta Mohammad è il Suo servitore e Messaggero. O Allah, concedi la tua pace e le benedizioni a lui, alla sua Famiglia, ai suoi Compagni e a coloro che li seguono con rettitudine fino all’Ultimo Giorno.

L’essere umano è socievole per natura. Vive nella sua società, da cui influenza e a cui reagisce, questo attraverso le sue caratteristiche ben distinte da quelle degli altri. Questa alterità e distinzione hanno la loro influenza sul pensiero e sulla condotta dell’uomo e sono la causa della determinazione del suo destino e della sua felicità sia nella vita mondanda che in quella        dell’Aldila’.Certamente, abbiamo bisogno di una personalità sana caratterizzata dai più sublimi sensi umani e alti gradi di patriottismo, per formare una generazione che costruisce, urbanizza, senza distruggere o demolire, e prevale l’interesse del suo paese su tutto il resto.
La buona Shari’a comanda di formare bene la personalità per essere consapevole dei pericoli e affrontare le difficoltà della vita preservando sedizioni e superstizioni. Allah, Gloria a Lui, disse: “Temete la fitna, essa non insidierà solo coloro che sono stati ingiusti; sappiate che Allah è severo nel castigo.”

La Shari’a richiede di avere una personalità rassicurata, modesta, consapevole dell’ovvia verità che segue la retta via e non si lascia coinvolgere dai pervertiti. Il Profeta (Pbsl) disse: “Non dovete essere pedìssequi, dicendo: “Se le persone sono buone, allora saremo buoni, e se sbagliano, allora sbaglieremo.” Piuttosto, decidete se le persone sono buone allora dovete essere buoni e se sono malvagi, allora non comportatevi  ingiustamente,” Uno dei buoni fattori della costruzione della personalità è la buona compagnia. L’uomo è influenzato dal suo compagno ed è ispirato dal suo atteggiamento oltre che praticamente. Ciò è dimostrato dalla legge, dalla ragione, dall’esperienza, dalla realtà e dalla visione della Shari’a
Una buona compagnia è importante nella costruzione della personalità sana che è utile alla propria religione, alla propria patria e alla propria società. È così che il Profeta (Pbsl) educava i suoi onorevoli compagni, tra i quali c’era Abu Bakr il Verissimo (che Allah si compiaccia di di lui) che diede il miglior esempio di buona compagnia e sincerità. Quando i miscredenti della Mecca vennero da lui per dire: il tuo compagno Mohammad afferma di essere portato in un viaggio notturno il giorno prima a Gerusalemme e poi torno’ lì la stessa notte! Abu Bakr rispose: se lo dice, è sincero. Lo credo anche nelle rivelazioni del Cielo”. Era l’atteggiamento dei compagni del Profeta (Pbsl) tra loro. Rappresentavano il miglior esempio in buona compagnia basata su fratellanza, altruismo, fedeltà, unione, lavoro positivo, inter-clemenza e inter-affetto. Secondo An-Noaman Ibn Bashir (che Allah sia contento di lui e di suo padre), il Profeta (Pbsl) disse: “In materia di affetto, buona compagnia e clemenza, credenti assomigliano a un corpo compatto di cui, se un arto soffre, gli altri arti lo allevano con veglia e febbre. “

La buona compagnia ha una grazia sia nella vita mondana che nell’aldilà. Il Profeta (Pbsl) disse:”Allah, Gloria a Lui, ha degli angeli in movimento, nobili che continuano le sessioni di evocazione. Quando cadono su uno di loro, si siedono con gli evocatori, si circondano a vicenda con le ali fino a riempire ciò che è tra il cielo e la terra. Quando finiscono, si disperdono e salgono verso il cielo. Onnisciente di ciò che fanno, Allah, Gloria a Lui li interroga: da dove venite? Rispondono: veniamo da alcuni dei tuoi servitori sulla terra, ti glorificano, ti lodano, dicono che Allah è il più grande, nessuna divinità tranne Allah e ti invocano. Allah disse: Come mi stanno chiamando? Gli angeli rispondono: ti chiedono il tuo paradiso. Allah risponde: l’hanno visto? Dicono: ma no! Allah chiede di nuovo: come faranno se lo vedono? Gli angeli riprendono: e cercano aiuto da teAllah chiede: Cosa? Gli angeli rispondono: hanno paura del tuo inferno. Allah risponde: l’hanno visto? Dicono: ma no! Allah chiede di nuovo: come faranno se lo vedono? Gli angeli riprendono: e ti chiedono perdono. Allah dice: li ho perdonati e li proteggero’ dall’Inferno. Gli angeli dicono: probabilmente c’era tra loro un tale servitore peccaminoso, ha appena passato la loro seduta e si è seduto con loro. Allah risponde: l’ho perdonato anch’io. Sono persone i cui compagni non sono infelici “. Tra i frutti della buona compagnia c’è il fatto che rappresenta una causa dell’amore di Allah, Gloria a Lui, e dell’accesso al Paradiso. Secondo Abu Hurairah (che Allah sia contento di lui), il Profeta (Pbsl) disse: “Un uomo ha visitato suo fratello in un villaggio diverso dal suo. Allah ha messo un angelo sulla strada. L’angelo gli ha chiesto dove stai andando? L’uomo rispose: voglio andare a trovare un fratello in questo villaggio. L’angelo continuò: c’è qualche favore che ti ha fatto e vuoi premiarlo? L’uomo rispose: Ma no, semplicemente, lo amo per Allah, Gloria a Lui. L’angelo disse: sono l’inviato di Allah per informarti che Allah ti ama per l’amore che porti per tuo fratello nel suo cammino “.La compagnia dei giusti porta ad essere radunati con loro nell’Ultimo Giorno. Secondo Anas Ibn Malek (che Allah sia contento di lui), un uomo chiese al Profeta (Pbsl): Quando è l’ora, cioe’ l’Ultimo Giorno? Il Profeta rispose: “Che cosa hai preparato per essa? L’uomo disse: Nient’altro che il mio amore per Allah e il suo Messaggero. Il Profeta rispose: “sarai con ciò che ami”. Anas disse: Mai, siamo stati contenti di una notizia come eravamo del Profeta (Pbsl): “Sarai con ciò che ami”. Amo il Profeta (Pbsl), Abu Bakr e Omar e desidero stare con loro attraverso questo amore, anche se non facevo come loro facevano.” Beato l’Imam AShafie, che disse:Adoro i virtuosi, anche se non sono di loroPossa io, grazie a loro, ottenere l’intercessioneOdio quelli la cui attività è la disobbedienzaAnche se la nostra merce è la stessa.
La compagnia del virtuoso ha anche il frutto di ricordare Allah, Gloria a Lui e dare il bene nella vita mondana e in quella dell’Aldila’. Secondo Ibn Abbas (che Allah sia contento di lui e di suo padre), chiesero: Quali sono i migliori dei nostri compagni? Il Profeta rispose: “Riguarda coloro la cui vista ti fa ricordare Allah, le sue parole aumentano  la vostra scienza e il suo lavoro ti fa ricordare l’Aldilà”. Il buon compagno è lo specchio di suo fratello, lo incita alla verità, gli proibisce il male e ama per lui ciò che ama per se stesso. Allah, Gloria a Lui, disse “Per il Tempo!  Invero l’uomo è in perdita, eccetto coloro che credono e compiono il bene, vicendevolmente si raccomandano la verità e vicendevolmente si raccomandano la pazienza.”

Secondo Anas (che Allah sia contento di lui), il Profeta (Pbsl) disse: “Aiuta tuo fratello, se subisce ingiustizia o  se e’ ingiusto!”. Chiesero: O Messaggero di Allah, sappiamo come aiutarlo se subisce ingiustizia, ma come aiutarlo se e’ ingiusto? Il Profeta rispose: “Impedirlo di fare il male agli altri, è questo e’ l’aiuto”.Questo è ciò che fa il compagno virtuoso che trova il suo compagno lontano dalla verità dove si inchina per obbedire a Satana. Lo consiglia, gli mostra la verità, gli dice che cosa deve fare e lo avverte contro le conseguenze della sua allontanza da ciò che piace ad Allah, Gloria a Lui.A questo proposito, Allah, Gloria a Lui, disse:

”  Gli rispose il suo compagno, argomentando con lui: “Vorresti rinnegare Colui Che ti creò dalla polvere e poi dallo sperma e ti ha dato forma d’uomo?   Per quanto mi concerne è Allah il mio Signore e non assocerò nessuno al mio Signore.  Conveniva che entrando nel tuo giardino dicessi: Così, Allah ha voluto! Non c’è potenza se non in Allah!”. Sebbene, tu mi veda inferiore a te nei beni e nei figli,può darsi che presto il mio Signore mi dia qualcosa di meglio del tuo giardino e che invii dal cielo una calamità contro di esso, riducendolo a nudo suolo, o che l’acqua che l’irriga, scenda a tale profondità che tu non possa più raggiungerla”.Fu distrutto il suo raccolto, ed egli si torceva le mani per quello che aveva speso: i pergolati erano distrutti. Diceva: “Ah! Se non avessi associato nessuno al mio Signore!

Beato il poeta che disse: Il tuo vero fratello è colui che è accanto a te, Chi supporta il male per farti divertireE chi, quando le piaghe ti hanno colpitoSi disperde per preservarti intatto

Se la buona compagnia ha i suoi frutti sia nella vita mondana che nell’Aldilà, anche la cattiva compagnia ha una cattiva influenza sulla costruzione della personalità negativa, distruttiva e delinquente. Questo ha degli effetti gravi e corrutivi nella vita mondana e quella dell’Aldila’. Questa cattiva compagnia distrugge la nobile etica, cancella la buona morale, corrompe i giovani, mina il lavoro, diffonde voci e diffonde i disordini.

Il cattivo compagno cerca di fuorviare il suo compagno con cattive credenze e pensieri distruttivi. Il Nobile Corano ci presenta una scena ovvia del cattivo compagno, dicendo: ”  Si rivolgeranno gli uni agli altri, interrogandosi.Uno di loro dirà: “Avevo un compagno  che [mi] diceva: “Sei uno di quelli che credono? Quando saremo morti, [ridotti a] polvere ed ossa, dovremo rendere conto?””. E dirà: “Volete guardare dall’alto?”.Guarderà dall’alto e vedrà l’altro in mezzo alla Fornace.Gli griderà: “Per Allah, davvero stavi per causare la mia rovina!Senza la benevolenza del mio Signore, sarei stato certamente uno dei dannati. Siamo dunque morti solo di quella prima morte e non subiremo alcun castigo!”. Davvero questa è la beatitudine immensa. A tal fine agiscano coloro che agiscono.”

Allah, l’Altissimo disse:”Il Giorno in cui l’ingiusto si morderà le mani e dirà: “Me disgraziato! Ah, se avessi seguito la via con il Messaggero! Guai a me, me disgraziato! Se non avessi scelto il tale per amico!  Sicuramente mi ha sviato dal Monito, dopo che mi giunse”. In verità, Satana è il traditore degli uomini.Il Profeta (Pbsl) ci dà l’esempio del compagno malvagio dove lo paragona al fabbro, dicendo: “L’esempio di un buon compagno pio e uno cattivo è quello di una persona che trasporta muschio e un altro che soffia un paio di mantici. Chi trasporta muschio ti regalerà un po ‘di profumo, o ne comprerai un po’ da lui, o ne avrai un buon odore, ma chi soffia un paio di soffietti ti brucerà i vestiti o avrai un cattivo odore da lui.”
La cattiva compagnia è uno strumento di distruzione e ingiustizia verso se stessi e l’altro. Il compagno più pericoloso è colui che cerca di attrarre gli altri verso i gruppi distruttivi e fuorviati che chiedono distruzione e corruzione sulla terra. A ciò si aggiunge quello che attira verso il percorso dei narcotici sia verbalmente che praticamente. I due tipi di compagni portano l’uomo sulla strada dell’abisso e dell’ira di Allah, Gloria a Lui, sia nella vita mondana che nell’aldilàDetto questo, imploro il perdono di Allah sia per me che per voi.****Lode ad Allah, Signore dell’Universo, affinché la salvezza e le benedizioni di Allah siano conferite all’onesto Profeta, alla sua Famiglia, ai suoi compagni e ai loro giusti seguaci fino all’Ultimo Giorno. Quindi … i miei fratelli nell’Islam

Dobbiamo tutti stare attenti ai cattivi compagni per evitare di socializzarci con loro. Allah, Gloria a Lui, disse: “Certamente nel Libro è già stato rivelato: “Quando sentite che vengono smentiti o sbeffeggiati i segni di Allah, non sedetevi con coloro che fanno ciò, fino a che non scelgano un altro argomento, altrimenti sareste come loro”. In verità Allah radunerà tutti gli ipocriti e i miscredenti nell’Inferno.” “, e disse anhce”  Quando li vedi immersi in discussioni sui Nostri segni, allontanati finché non cambiano argomento. E se Satana fa sì che qualche volta dimentichi, appena ti sovvieni, non restare oltre in compagnia degli ingiusti.”

Il nostro Profeta (Pbsl) disse: “l’uomo inevitabilmente segue l’idoneità dei suoi compagni, che ognuno di voi sceglie il proprio“. Disse anche: “Prendi come compagno solo il credente e servi la tua ospitalità solo ai pii“. Abdullah Ibn Massoud (che Allah sia contento di lui) disse: Misura le persone secondo i loro compagni, perché l’uomo prende come amico solo ciò che gli piace.” Beato il poeta che disse:   Se fai parte di un gruppo, scegli i compagni giustiNon prendere l’amico più malvagio, perciò perisci con loroNon indagare sull’uomo, informati piuttosto sul suo compagnoOgni compagno assimila l’atteggiamento del suo compagno Costruire la personalità attraverso una buona compagnia è una responsabilità condivisa che l’intera società deve assumersi. A questo proposito il Profeta (Pbsl) disse: “Siete tutti responsabili, ognuno dei voi è padrino. Il governatore è responsabile della sua gente, l’uomo è responsabile della sua famiglia, la donna è responsabile della sua casa, il servo è responsabile della proprietà del suo padrone,”
È necessario prestare particolare attenzione all’educazione e prendersi cura della generazione attraverso la famiglia, la scuola, la moschea, gli istituti educativi sociali, intellettuali e dei media. Tutti gli sforzi devono essere fatti per immunizzare i giovani contro il pensiero delinquente da parte di gruppi ingannevoli e distruttivi. La cura dei nostri figli e giovani, condividendo i loro compagni, è una grande responsabilità per noi. Allah, Gloria a Lui, disse “O tu che credi, proteggi te stesso e le tue famiglie dal fuoco“. Il Profeta (Pbsl) disse: “Allah interroga ciascuno di voi sulla propria responsabilità, indipendentemente dal fatto che abbia adempiuto o meno ai doveri, al punto che l’uomo sarà interrogato dalla sua famiglia“. O Allah, concedici una buona compagnia e il suo buon frutto, O, Allah, Signore dell’Universo.