Il dovere dell’insegnante e l’apprendista

Lode ad Allah, Signore dell’Universo, che dice nel suo Nobile Libro: ” Allah innalzerà il livello di coloro che credono e che hanno ricevuto la scienza. Allah è ben informato di quel che fate.

Attesto che non esiste divinità oltre ad Allah, l’Uno senza alcun associato, e che il nostro Maestro e Profeta Muhammad è il Suo Servitore e Messaggero. O Allah, concedi la Tua salvezza e benedizioni a lui, alla sua Famiglia, ai suoi Compagni e a coloro che li seguono con rettitudine fino all’Ultimo Giorno.

Seguitando in merito, Diamo il benvenuto così presto a un nuovo anno scolastico che auguriamo a tutti i nostri figli un anno di serosità, impegno e prosperità.Senza dubbio, l’Islam dà la massima priorità e attenzione alla scienza come animazione di cuori e lanterna di sguardi. La scienza eleva il suo autore ai ranghi più sublimi dei giusti sia nella vita mondana che nell’Aldilà. E grazie alla scienza che si osserva la parentela e che si conosce il lecito e l’illecito. Con il quale Allah solleva popoli e in realtà capi e sovrani del bene le cui tracce sono perseguite e gli atti sono assimilati. Allah, Gloria a Lui, disse:Di’: “Sono forse uguali e coloro che sanno e coloro che non sanno?”La cura data dall’Islam alla scienza e la sua esortazione ad essa, è apparsa all’inizio di una nobile rivelazione,  e di questo disse Allah,l’Altissimo:” Leggi! In nome del tuo Signore che ha creato, ha creato l’uomo da un’aderenza. Leggi, ché il tuo Signore è il Generosissimo, Colui Che ha insegnato mediante il calamo,  che ha insegnato all’uomo quello che non sapeva.”La prima rivelazione fu quindi un ordine da leggere, perche’ la lettura è la prima porta della scienza e poi menziono’ la penna o il calamo che è lo strumento della documentazione e della trasmissione della conoscenza. Questa è una dimostrazione per tutta l’umanità della virtù della scienza e un’esortazione per acquisirla. La scienza occupa una buona posizione, e gli scienziati hanno il posto che meritano. Senza la scienza e scienziati, le persone vanno fuori strada. La scienza è una luce attraverso la quale gli studiosi possono vedere le realtà delle cose. Gli scienziati, tra la gente, sono come le stelle in cielo, da loro le persone trovano una guida. Di questo disse Allah:”Colui che sa che ciò che ti è stato rivelato da parte del tuo Signore è la verità, è forse come colui che è cieco? In verità, riflettono solo coloro che sono dotati d’intelletto.”Sembra che in questo versetto, le persone sono suddivise in: scienziato e cieco. Allah mette la scienza contro la cecità. La vista qui è scienza e conoscenza, non lo sguardo. Di questo disse Allah, l’Onnipotente:” Non percorrono dunque la terra? Non hanno cuori per capire e orecchi per sentire? Ché in verità non sono gli occhi ad essere ciechi, ma sono ciechi i cuori nei loro petti.” Pertanto, il nobile Corano ha elevato l’importanza della scienza chiamandola autorità, dicendo:” Coloro che polemizzano sui segni di Allah, senza aver ricevuto nessuna autorità [per farlo], suscitano l’avversione di Allah e dei credenti.”

Il Profeta(Pbsl) chiari’ il valore della scienza e la virtu’ d’impararla, dicendo:” Se qualcuno viaggia su una strada in cerca di conoscenza, Allah lo farà viaggiare su una delle strade del Paradiso. Gli angeli abbasseranno le ali nel loro grande piacere con chi cerca la conoscenza, gli abitanti dei cieli e della Terra e i pesci nelle acque profonde chiederanno perdono per l’uomo istruito. La superiorità dell’uomo istruito sul devoto è come quella della luna, nella notte in cui è piena, sul resto delle stelle. I dotti sono gli eredi dei Profeti, e i Profeti non lasciano né dinaro né dirham, lasciando solo conoscenza, e chi la prende prende una porzione abbondante.”

Fu narrato che Abu Dharr disse:”Il Messaggero di Allah mi ha detto: ‘O Abu Dharr! Per te, uscire al mattino e imparare un verso dal Libro di Allah è meglio per te che pregare cento Rak’ah, e per te, uscire e apprendere una questione di conoscenza, che sia agita o meno, è meglio per te che pregare mille Rakah.”

Imam Ali (che Allah sia contento di lui) disse: “La scienza è meglio del denaro. Ti tiene mentre tieni i soldi. La scienza governa mentre il denaro è governato. È con la spesa che il denaro diminuisce, mentre la scienza aumenta con la spesa.La scienza ha una buona morale e una deontologia sublime da cui studenti e insegnanti devono impegnarsi. Citiamo: la devozione totale ad Allah, Gloria a Lui. Entrambi devono cercare con scienza il Volto di Allah, Gloria a Lui e guardarsi dall’ostentazione e dall’arroganza. La scienza ha un piacere che, quando afferra l’anima dell’uomo, si sporge verso la sfilata, la fama e il desiderio di mettersi in prima linea. Ciò potrebbe influenzare il suo comportamento, dove si considera al di sopra delle persone. Il nostro Profeta (Pbsl) mise  in guardia da questo atteggiamento dicendo: “Chiunque cerchi la scienza per discutere con quali sciocchi o sfidare gli studiosi o per attirare l’attenzione della gente su di lui, che quindi cerca il suo posto all’inferno.”Citiamo anche il fatto di provare la modestia. Malek scrive ad Al Rachid: “Quando impari una scienza, è necessario che la percezione, il ritmo, la modestia e la clemenza di questo siano visti nei tuoi comportamenti“Per questo, Omar (che Allah si compiaccia di lui) disse: “Impara la scienza, impara la serenità e il rispetto per essa, e sii modesto su ciò che impari”. La scienza non puo’ andare al di pari passo con l’arroganza o la disobbedienza. Viene acquisita piuttosto con la richiesta e s’aumenta con pietà. Allah, il Vero, Gloria a Lui, disse: “Abbi pietà di Allah, e così Allah ti insegnerà. Allah è onnisciente ». Disse anche:”Temete Allah, è Allah che vi insegna. Allah conosce tutte le cose“Si dice: “Chiunque si comporti secondo ciò che sa, Allah lo farà ereditare le scienze che non conosceva ancora”. Il lavoro è una condizione per acquisire la scienza provvidenziale. Per amore del giusto servitore, citato in Surat la Caverna, Allah, Gloria a Lui, disse:”Incontrarono uno dei Nostri servi, al quale avevamo concesso misericordia da parte Nostra e al quale avevamo insegnato una scienza da Noi proveniente

Disse Allah, l’Altissimo:”Facemmo sì che Salomone comprendesse [correttamente]. Demmo ad entrambi saggezza e scienza. “

Anche disse Allah, parlando del profeta Yahia o Giovanni,:” O

 Giovanni, tienti saldamente alla Scrittura.” E gli demmo la saggezza fin da fanciullo,tenerezza da parte Nostra e purezza. Era uno dei timorati,” Disse anche Allah,” Essi dissero: “Gloria a Te. Non conosciamo se non quello che Tu ci hai insegnato: in verità Tu sei il Saggio, il Sapiente.”

Gli scienziati sono distinti dal rispetto. La scienza ha il suo prestigio, la sua miniera e la sua imponenza; l’indizio è il bell’aspetto dello scienziato, la pulizia, il profumo e la distanza da sessioni inutili e assurde. Il Profeta (Pbsl) disse: “Una buona guida, un bell’aspetto ed economia sono una delle venticinque parti della profezia”Lo scienziato per l’interrogatore è come il medico per il paziente. Deve trattarlo con affetto e guidarlo sulla retta via

Mu’awiya Ibn Abi Al-Hakam disse: Mentre stavo pregando con il Messaggero di Allah (Pbsl (uno dei compagni starnutì. Ho detto: Allah abbi pietà di te! La gente mi fissava con sguardi di disapprovazione, così dissi: guai a me, perché mi fissate? Cominciarono a battere le mani sulle loro cosce, e quando li vedevo, mi spingevano ad osservare il silenzio (mi arrabbiai) ma non dissi nulla. Quando il Messaggero di Allah (pbsl) ha finito la preghiera (e dichiaro che né davanti a lui né dopo di lui ho visto un leader che ha dato istruzioni migliori di lui, per il quale avrei dato a mio padre e mia madre un riscatto). Giuro che non mi ha sgridato, picchiato o insultato.”

C’è una serie degli impegni che lo studente deve adempiere. * In primo luogo, deve preoccuparsi regolarmente di apprendere instancabilmente, al punto da non perdere tempo in inutilità. Si dice: la scienza non te ne dà un po’ a meno che tu non dia tutto.

* Il Rispetto per l’insegnante e onorarlo. È vietato a uno studente superare il proprio insegnante, sia per atto che per parola. Ach-Shafi ha detto: Alla presenza dell’Imam Malek, ho girato la foglia così leggermente che non riusciva a sentirla. Ar-Rabih (che Allah si compiaccia di lui) ha detto: Giuro su Allah che non ho osato bere acqua mentre Ah-Chafee stava guardando me, per rispetto

Beato il poeta Chawki che disse:Mettiti di fronte all’insegnante per rendergli omaggio.L’insegnante si avvicina all’essere come un profeta

Senza dubbio, abbiamo un grande bisogno di acquisire tutte le scienze con cui possiamo popolare le nostre vite tanto quanto quelle con cui la nostra religiosità si adatta. Non abbiamo più il lusso del tempo. La ricerca scientifica, l’invenzione e la creazione sono diventati il ​​compito persistente per giungere il convoglio del progresso, o almeno recuperare una parte del percorso,Ognuno di noi deve avere pensiero creativo, competitivo e ambizioso. Dobbiamo almeno avere il desiderio di creare la comunità al tempo dei nostri grandi antenati e antenati che hanno viaggiato alla ricerca della scienza e hanno fatto grandi sforzi per acquisirla, fino a quando hanno vinto l’avanguardia e sono diventati padroni di tutte le arti e discipline a cui si sono esposti. Erano una fonte pura e una buona lanterna per tutte le nazioni e le civiltà successive

Dobbiamo adottare il seguente slogan:Costruiamo tanto quanto i nostri antenati hanno costruitoE facciamo come hanno fatto.Lo studente e l’insegnante devono quindi distinguersi dalla buona morale. Le loro azioni devono concordare con le loro parole, in modo che abbia un buon impatto sulla societàQuando la comunità stabilì una connessione tra scienza, lavoro e morale, visse in grandezza e sublimità tra le nazioni. Dove sono la morale e le scienze, il fiorire esiste. Detto questo, imploro il perdono di Allah sia per me e per voi

Lode ad Allah, Signore dell’Universo, affinché la salvezza e le benedizioni di Allah siano conferite all’onesto Profeta, alla sua famiglia, ai suoi compagni e ai loro giusti seguaci fino all’Ultimo Giorno. Quindi … i miei fratelli nell’Islam! L’Islam ha elevato la posizione della scienza e quella degli studiosi indipendentemente dalle loro discipline. La scienza utile contiene tutto ciò che porta l’interesse delle persone nei loro affari, sia nella vita mondana che nell’Aldila’.Questo è il motivo per cui troviamo che il versetto: “Sicuramente, questi sono gli studiosi che si guardano da Allah tra i Suoi servi” arriva in occasione del discorso sulle scienze cosmiche in cui Allah, Gloria a Lui, disse: “ Non hai visto che Allah manda giù l’acqua dal cielo? Quindi tiriamo fuori frutti di diversi colori. E in montagna ci sono solchi bianchi e rossi, di diversi colori e rocce eccessivamente nere,Esistono colori simili, tra uomini, animali e bovini. Tra i suoi servi, solo gli studiosi temono Allah. Allah è davvero potente e perdonatore. Allah dice anche: “In verità, nella creazione dei cieli e della terra, e nell’alternarsi della notte e del giorno, ci sono certamente segni per i dotati, che, in piedi seduti, distesi ai loro lati, invocano Allah e meditano sulla creazione dei cieli e della terra (dicendo), “Nostro Signore! Non hai creato questo invano. Gloria a te! “Comprendiamo quindi dalla scienza utile tutto ciò che porta utilità agli esseri umani: scienze giuridiche, arabo, medicina, farmacia, fisica, chimica, astrologia, ingegneria, energia e tutte le conoscenze. La scienza è il fondamento principale della personalità nazionale creativa. Prova a sostegno è il detto di Allah, Gloria a Lui: “quindi chiedi alla gente del promemoria (scienza) se non lo sai”

La parola “dhikr” (promemoria) è più ampia per essere limitata a una singola scienza; contiene tutte le conoscenze utili. Senza dubbio, abbiamo bisogno di tutte le scienze utili per la nostra vita tanto quanto quelle utili per la nostra religione.L’obbligo indispensabile che incombe attualmente sull’ulema è la correzione di errate concezioni sull’Islam e sui musulmani. Bisogna fare attenzione a diffondere il buon pensiero islamico. Imploriamo Allah, esaltato sia Lui, che siamo tra quegli Uleema onesti, che ci insegnano ciò che non sappiamo, ci fanno ricordare quello che dimentichiamo e ci guidiamo nella nostra vita quotidiana.

Imploriamo Allah, l’Onnipotente di essere di questi giusti, e ci imparare quello che non sappiamo, e ci fanno ricordare quello che dimentichiamo, e di guidarci alla retta via.