La pericolisita’ delle calunnie e della falsificazione della coscienza

Lode ad Allah, Signore dei mondi, che disse nel Nobile Corano:” O credenti, temete Allah e parlate onestamente,

sì che corregga il vostro comportamento e perdoni i vostri peccati. Chi obbedisce ad Allah e al Suo Inviato otterrà il più grande successo”

Rendo testimonianza che non esiste divinità oltre Allah, l’Uno senza alcun associato, e che il nostro Maestro e Profeta Muhammad è il Suo servitore e messaggero . O Allah, concedi la tua salvezza e benedizioni a lui, alla sua famiglia, ai suoi compagni e a coloro che li seguono con rettitudine fino all’Ultimo Giorno,Seguitando in merito Il conflitto tra la verita’ e la menzongna e’ antichissimo, esiste sulla terra dal primo momento della creazione dell’essere umano e restera’ fino all’Ultimo Giorno, quando Allah ereditera’ la terra con tutte le sue creature.   Tra i mezzi più importanti della gente della menzogna nel suo conflitto con la gente della verità c’e’: la produzione delle calunnie e promuoverle tra la gente. Non c’è dubbio che la parola e’ una responsabilità, sia letta, ascoltata o visibile, e le voci sono delle parole diffuse tra le persone, da una persona che porta dentro di se un cuore malato, o diffuse da un’ente o un’organizzazione di forze malvagie che operano in segreto. Tali forze cercano di fare diffondere le calunnie senza prove per  influenzare  negativamente sulle menti e sulle anime, e diffondendo anche delle idee distruttive e credenze corrotte che seminano l’ansia, il sospetto, la debolezza e la sfiducia tra gli individui all’interno della societa’. E cosi vediamo la gente di una nazione interrogarsi fra di loro e tradirsi a vicenda, percio’ il Profeta (Pbsl) disse: “È abbastanza falsità per un uomo mettere in relazione tutto ciò che sente.” Se parlare di tutto ciò che una persona sente è una forma di menzogna, quindi una persona viene severamente punita nell’Aldilà, quando parla di ciò che non ha visto o sentito!L’Islam ha preso una posizione ferma sulle voci e sui promotori e ha considerato il comportamento in contrasto con la buona morale e i nobili valori della legge islamica, quando ha ordinato ai suoi seguaci di impedire che la lingua si diffondesse in ciò che sta diffondendo la sedizione e provocare disordini nella società, e ha ordinato loro d’essere onesti nelle loro parole e di mantenere le loro lingue, accertando tutto ciò che sentono in modo che non causino discordia, corrompano la società e difamano le persone. Di questo Allah, l’Altissimo, disse: ” O voi che credete, temete Allah e state con i sinceri.”Allah disse anche:”  Non seguire ciò di cui non hai conoscenza alcuna. Di tutto sarà chiesto conto: dell’udito, della vista e del cuore.”.Il Profeta(Pbsl) in un Hadith Sharif disse:”Non ti parlerò della testa della questione dell’Islam, del suo pilastro e del suo apice? (Lo è) Jihad. “Poi disse:” Non ti parlerò delle basi di tutto ciò? “Dissi:” Sì. “Si prese la lingua e disse:” Trattenete questo “. O Profeta di Allah, saremo portati a rendere conto di ciò che diciamo? “Egli disse:” Che tua madre non ti abbia trovato, o Mu’adh! Le persone vengono gettate in faccia all’inferno per qualcosa di diverso dalla raccolta delle loro lingue? ‘”
Diffondere e promuovere voci  e calunnie è il comportamento degli ipocriti nel raggiungere i propri scopi e obiettivi minando la sicurezza, prendendo di mira l’unità della patria, indebolendo la crescita della sua economia, minando la sua stabilità e sicurezza e diffondendo lo spirito di frustrazione, disperazione e pessimismo nel cuore dei cittadini in generale e dei giovani in particolare, perché il tremore è destinato a entrare in cattive notizie e sedizioni che potrebbero causare gravi turbamenti nella società. Di questo, Allah, l’Onnipotente, disse:”Se gli ipocriti, coloro che hanno un morbo nel cuore e coloro che spargono la sedizione non smettono, ti faremo scendere in guerra contro di loro e rimarranno ben poco nelle tue vicinanze.”
Le voci sono uno dei mezzi di guerra da cui il Profeta (Pbsl)non è fuggito.  I politeisti hanno combattuto contro il Profeta (Pbsl) diffondendo voci per screditarlo e distorcere la sua immagine. Di questo disse Allah, l’Onnipotente:” I miscredenti dicono: “È uno stregone, un gran bugiardo.”.Sostenevano scioccamente che fosse un poeta e un pazzo,”e dicevano: “Dovremmo abbandonare i nostri dèi per un poeta posseduto?”.”
A volte si diceva che fosse un prete, Dio Onnipotente rispose a loro mentendo le loro  calunnie, dicendo:” Non è la parola di un poeta – [credetelo] per quanto poco crediate- e neanche la parola di un indovino _ per quanto poco riflettiate! È una Rivelazione venuta dal Signore dei mondi.”Un giorno, i politeisti diffusero una falsa voce sulla morte del Profeta (pace e benedizioni di Allah siano su di lui) al fine di disperdere i musulmani e indebolire il loro potere. I ranghi dei musulmani furono disturbati e la loro forza psicologica si indebolì, Alcuni fuggirono, altri lanciarono armi e alcuni restarono fermi con il Profeta (pace e benedizioni di Allah siano su di lui).Nella battaglia di Hamra al-Assad, i politeisti dicevano che Quraish aveva preparato un grande esercito per attaccare la città e combattere il Profeta (Pbsl) e i suoi compagni, ma i musulmani restarono fermi preserevando la loro religione e non si disturabarano dalle voci diffuse, per quello Allah, l’Onnipotente elogio’ la loro posizione, dicendo:” Dicevano loro: “Si sono riuniti contro di voi, temeteli”. Ma questo accrebbe la loro fede e dissero: “Allah ci basterà, è il Migliore dei protettori””.Nella battaglia di Hunain, quando si diceva che il Profeta (Pbsl) fosse stato ucciso, Il Profeta si oppose a questa voce, dicendo:” Sono Il Profeta, non sono bugiardo, sono il figlio di Bin Abd Al Motaleb”.Le voci e la promozione di voci pericolose non sono nascoste ai saggi. Tali voci che incitano lo spargimento del sangue e ai massacri. Prendiamo un’importante esempio dalla storia dell’uccisione del califfo Othman bin Affan (che Allah sia soddisfatto di lui) e ci sono le migliori prove e testimonianze di questo, i suoi seguaci furono assediati dai criminali a causa delle voci diffuse del bugiardo Abdullah bin Sheba, l’ebreo, e persino gli impedì di bere acqua, che acquistò il pozzo di Romia con i suoi soldi. Narrato da Naila, la moglie di Osman (che Allah si compiaccia di lui) disse:”Il giorno precedente alla sua uccisione, Osman era in digiuno, e quando venne il momento dell’Iftar, cioe’ rompere il digiuno, chiese una tazza d’acqua, loro rifiutarono, percio’ Osam dormi’ senza bere ne’ mangiare, e quando venne l’Alba, chiesi ai vicini una tazza d’acqua, e mi diedero. Cercai di fare Osman bere quella tazza, ma lui mi disse: “venne il momento di digiunare un nuovo giorno, inoltre, ho avuto una rivelazione dal Profeta: l’ho visto mentre mi dava l’acqua e mi faceva bere, e mi disse: bevi di piu’! percio’ ho bevuto, e poi mi disse di nuovo: la vostra gente verrano ad ucciderti, se cerchi di combatterla, vincerai, se la lasci, sarai con noi ( cioe’ martire), e cosi’ la gente malvagia uccise Osman.”Oggi molti fattori sono cambiati e l’industria malvagia ha preso forma, mentre il mondo sta assistendo a un rapido e veloce sviluppo dei mezzi di comunicazione e tecnologia, la voce è diventata più diffusa, più veloce, più influente e persino un mezzo di guerra: La guerra non è più monodimensionale. È puramente militare, o puramente sicurezza, nemmeno puramente intelligenza nel tradizionale concetto di vecchi sistemi di intelligence. In termini di metodologia di utilizzo dell’arma delle voci e della falsificazione della coscienza, che è diventata una questione di studio e addestramento da parte di alcuni partiti sospetti, e impiegando battaglioni elettronici, con l’uso dei massimi mezzi di assedio e pressione politica, economica e psicologica e tentativi disperati di provocare persone e contorcendole sui loro sovrani e distorcere i simboli i guadagni nazionali, lo scetticismo di tutti i risultati e la sottovalutazione, l’alleanza di gruppi e forze terroristici, i tentativi di infiltrarsi nelle istituzioni, provocano qualsiasi conflitto che porta a divisioni mediante un meccanismo senza precedenti, con un uso deliberato delle informazioni e il reclutamento di alcuni moderni mezzi di comunicazione. Ma molti di loro, e la necessità di giocare l’immediato e gli interessi che alcune persone non sono suscettibili di pazienza e cercare di rompere la volontà del popolo e lavorare per spezzare il prestigio dei sovrani, mettere in discussione scienziati, intellettuali nazionali, e sostenere i loro avversari, e inviare messaggi minacciosi allineati a volte e altri schierati aderenti ai loro principi fedeli alle loro terre, evidenziando il destino di coloro che non salirono e si unirono al piano peccaminoso, sollevando lo stendardo del parto e inginocchiandosi dietro.Indubbiamente, la questione della resistenza contro tutte queste ondate richiede una solida convinzione e fede nazionale e la fiducia illimitata in Allah, poiché molte persone potrebbero sottovalutare la condivisione di alcune notizie, statistiche o storie senza verificarle o verificare la loro fonte, quindi sono quelli che hanno partecipato alla diffusione della sedizione e dell’accensione, una parola falsa che una persona dice, scrive o condivide, potrebbe essere diffusa  e diventerebbe la causa di una punizione nel Giorno della Resurrezione. Di questo disse il Profeta(Pbsl): “Un servitore (di Allah) può pronunciare una parola che piace ad Allah senza dargli molta importanza, e per questo Allah lo porterà a gradi (di ricompensa): un servitore (di Allah) può pronunciare una parola (incautamente) che dispiace ad Allah senza pensare alla sua gravità e per questo verrà gettato nell’Inferno-Fuoco.”Detto questo, imploro il perdono di Allah sia per me e per voi.* * *Sia lode ad Allah, Signore dell’Universo, che la salvezza e le benedizioni di Allah siano conferite all’onesto profeta, alla sua famiglia, ai suoi compagni e alla loro giustizia fino all’ultimo giorno. Quindi i miei fratelli nell’Islam,
L’Islam ha sviluppato un approccio saggio per proteggere la società dalle voci, consiste nel seguente: * La necessità di verificare le notizie e di fare attenzione prima della pubblicazione nella comunità, e di questo disse l’Onnipotente: O credenti, se un malvagio vi reca una notizia, verificatela, affinché non portiate, per disinformazione, pregiudizio a qualcuno e abbiate poi a pentirvi di quel che avrete fatto”    Il Profeta( Pbsl) disse:” compiere gli affari con calma e’ un’ordine divino, e farli in fretta e’ un’ordine del diavolo.”Anche il Profeta disse:”Potete fare tutto con calma, tranne le opere pie’ dell’Aldila’”.* Non ripetere la voce in alcun modo leggibile, udibile o visibile; perché nel suo canto recitante alla promozione e alla diffusione, le voci diventano più diffuse se ci sono lingue di frequenza e le orecchie le ascoltano e le anime accettano e credono. Allah disse:” quando con le vostre lingue riportaste e con le vostre bocche diceste cose, di cui non avevate conoscenza alcuna. Pensavate che non fosse importante, mentre era enorme davanti ad Allah”. l Messaggero di Allah (Pbsl) disse: “Chiunque crede in Allah e nell’Ultimo Giorno, dovrebbe parlare di ciò che è buono o stare zitto, e chiunque crede in Allah e nell’Ultimo Giorno non dovrebbe ferire (o insultare) il suo vicino; e chiunque crede in Allah e l’ultimo giorno, dovrebbe intrattenere generosamente il suo ospite,”* La necessità di coesione tra le persone dello stesso paese e fornire buon pensiero quando si sentono le voci, e di questo, Allah disse:” Perché, quando ne sentirono [parlare], i credenti e le credenti non pensarono al bene in loro stessi e non dissero: “Questa è una palese calunnia?.”A un musulmano viene comandato di pensare bene e di portare il bene degli altri; perché la diffidenza è una malattia mortale che porta alla distruzione della vita e alla diffusione della rivalità tra le persone, e il Profeta (Pbsl) ne ha avvertito dicendo:” Attenzione ai sospetti. Il sospetto è il discorso più falso. Non spiare e non origliare, Non competere l’uno con l’altro e non invidiarci a vicenda e non si odiano e non evitano l’un l’altro. Siate servitori di Allah e fratelli.”Dipendere sugli esperti e i competenti nella dichiarazione dei fatti e di non affrettarsi a giudicare le cose, disse l’Onnipotente nella descrizione degli ipocriti:” Se giunge loro una notizia, motivo di sicurezza o di allarme, la divulgano. Se la riferissero al Messaggero o a coloro che hanno l’autorità, certamente la comprenderebbero coloro che hanno la capacità di farlo. Se non fosse stato per la grazia di Allah che è su di voi e per la Sua misericordia, certamente avreste seguito Satana, eccetto una piccola parte di voi”, cioè, si nascondevano nella sicurezza e nella stabilità della comunità cittadina, se sentono notizie sulla sicurezza o la paura dei musulmani, la trasmettono o la mostrano con l’intenzione di diffondere panico, ansia e confusione.Lascia che ogni credente geloso della sua religione, fedele alla sua patria, si alzi per contrastare quelle voci e negarle, disse il Profeta (Pbsl):” Se un musulmano difende l’onore di suo fratello in sua assenza, Allah proteggerà la sua faccia dal fuoco dell’inferno nel Giorno della Resurrezione.” Dobbiamo sapere che la parola è responsabilita’ che ci verrà chiesto davanti ad Allah Onnipotente nel Giorno del Giudizio.Rendiamoci tutti conto che i nostri nemici hanno preso le guerre della quarta e quinta generazione e la guerra di voci e distorsioni di risultati e simboli nazionali e tentativi di minare tutto ciò che è il modo nazionale di fallire, rovesciare o frammentare i nostri paesi per raggiungere i loro scopi e obiettivi, dobbiamo renderci conto che una feroce guerra si sta tessendo per noi e le voci la alimentano.Dobbiamo controllare e dimostrare che non cadiamo nelle macchinazioni dei nostri nemici, dobbiamo fidarci di noi stessi, della nostra leadership, del nostro esercito e della nostra polizia, e non dare il nostro cuore ai nemici della patria e a coloro che lavorano per minarci, o il morale, o pensare alla nostra frustrazione e disperazione tra noi, ciò richiede che immunizziamo i nostri giovani e la nostra società con consapevolezza della realtà, conosciamo l’entità delle sfide che affrontiamo e proviamo a contribuire a risolverleO, Allah, guidaci verso la retta via, salva l’Egitto secondo ciò