La potenza di nazione consiste nella sua unita’

Lode ad Allah, Signore dell’Universo, che dice nel Nobile Corano:” Aggrappatevi tutti insieme alla corda di Allah e non dividetevi “.

 Rendo testimonianza che non esiste divinità oltre Allah, l’Uno senza alcun associato, e che il nostro Maestro e Profeta Mohammad è il Suo servitore e messaggero. O Allah, concedi la tua pace e benedizioni a lui, alla sua famiglia, ai suoi compagni e a coloro che li seguono con rettitudine fino all’Ultimo GiornoSeguitando in merito,

Il Profeta (Pbsl) arrivò con un messaggio che chiedeva unità e coesione tra la gente e proibiva la divisione e la discordia, così raccolse le varie disparità arabe, e rese loro una nazione che adottava il principio della fratellanza e la fede come un stretto legame dell’intimita’ dei loro cuori. Di questo dice Allah, l’Onnipotente:” i credenti sono fratelli”, anche Allah, sottolinea questo concetto nel Nobile Corano, dicendo:” instillando la solidarietà nei loro cuori. Se avessi speso tutto quello che c’è sulla terra, non avresti potuto unire i loro cuori; è Allah che ha destato la solidarietà tra loro. Allah è eccelso, saggio.”

Il Profeta(Pbsl) ordina i credenti d’essere simpatici, misericordiosi e clementi fra di loro, dicendo: ” I credenti nella loro reciproca gentilezza, compassione e simpatia sono proprio come un solo corpo. Quando uno degli arti soffre, tutto il corpo risponde ad esso con veglia e febbre.”. Tuttavia, questa compassione non si limitava ai musulmani tra loro; ma includeva tutta la gente, di questo Allah dice:” O uomini, vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinché vi conosceste a vicenda. Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme. In verità Allah è sapiente, ben informato.”

Il Corano sottolinea l’importanza della fratellanza umana, se anche nei confronti delle persone di altra fede. Di questo Allah,l’Onnipotente, nel Nobile Corano, dice:” E agli ‘Âd [inviammo] il loro fratello Hûd:”

Anche Allah, l’Onnipotente dice:”  E ai Thamûd [inviammo] il loro fratello Sâlih.”

L’Onnipotente dice anche:”Agli abitanti di Madyan [inviammo] il loro fratello Shuayb”
E dopo che Allah, il Vero, ha menzionato le storie dei precedenti  profeti, dice anche:”In verità questa vostra Comunità è una Comunità unica e Io sono il vostro Signore. TemeteMi dunque

Allah dice anche:” Sì, questa vostra Comunità è un’unica Comunità e Io sono il vostro Signore. AdorateMi.”

L’Imam al-Baghawi (che Allah abbia misericordia della sua anima) disse:” Allah ha inviato tutti i profeti per diffondere la religione, la familiarità e l’unita’ e respingere la divisione e il dissenso.”Non c’è dubbio che l’invito dell’Islam all’unità, al respingimento della divisione e dell’egoismo è uno dei fattori per preservare la forza della patria e la sicurezza della comunita’, perché se  l’individuo e’ forte in una comunita’ debole, rimarra’ debole, ma se l’individuo è debole in una società forte, trae la sua forza dalla forza della società in cui vive, quindi l’Islam esalta il valore della cittadinanza.L’Islam,Ha affermato, inoltre, che la patria appartiene a tutti i suoi figli, perché l’unità della nazione richiede che non vi sia distinzione tra i suoi figli sulla base della religione, del colore o del genere, quindi non c’è preferenza per un arabo rispetto a uno straniero, o un bianco rispetto a un nero. Tutti si giudicano tramite le loro buone e pie azioni. Su questa base, fu stipulata La Costituzione di Medina , chiamata anche Carta di Medina o Rescritto di Medina, , fra il Profeta (Pbsl) e gli ebrei di Medina. Il Rescritto stabiliva: la sicurezza della Comunità, le libertà di culto, il ruolo di Medina come territorio harām, ossia “sacro, inviolabile” (da cui era bandita ogni forma di violenza e l’uso delle armi), la sicurezza delle donne, stabili rapporti intertribali all’interno di Medina, un sistema di tasse per sostenere la Comunità nel corso dei conflitti, parametri per regolamentare alleanze politiche con l’esterno, un sistema per assicurare la protezione dei singoli, un sistema giudiziario per risolvere le dispute e per regolamentare il pagamento del prezzo di sangue (il pagamento tra famiglie o tribù per indennizzare la parte offesa, evitando l’applicazione del principio biblico e preislamico della legge del taglione).L’Islam ha anche esaltato il valore di lavorare nello spirito collettivo, facendo dell’unità delle opinioni e degli sforzi, e respingere il dissenso  un dovere nazionale in tutti i tempi e luoghi. E questo e’ un’ordine divino come sottolinea il Nobile Corano:” Aggrappatevi tutti insieme alla corda di Allah e non dividetevi “.  E il nostro Profeta(Pbsl):”Allah è contento di tre cose da te, ed è arrabbiato con tre cose da te, è lieto che tu lo adori e non associ nulla a Lui, e che tu afferri del tutto la corda di Allah, e che tu dia buoni consigli a colui al quale Allah dà il comando su di te. Per pettegolezzi, proprietà sperperanti e troppe domande.”Il Profeta (Pbsl) costituisce un esempio per la nazione nella sua unità, coesione e sinergia con la struttura stabilita, e lui (Pbsl) disse:” La relazione del credente con un altro credente è come (i mattoni di) un edificio, ognuno rafforza l’altro.” Il Profeta”(Pbsl) lo ha illustrato intrecciando le dita di entrambe le mani.Il Nobile Corano ci ha dato degli esempi di unità che conducono alla conservazione della patria e alla sicurezza della società, tra cui quella del nostro signore Giuseppe (che la pace di Allah sia su di lui) quando prepararo’ un piano elaborato, e tutti collaborarono per fare riuscire tale piano e realizzarlo concretamente in campo, percio’ ebbero gran successo e l’Egitto in quel tempo ebbe progresso, prosperita’ e sviluppo, dove l’Onnipotente dice nel Corano sulla lingua del suo Profeta Giuseppe( Che la pace di Allah sia su di lui): Rispose: “Coltiverete per sette anni, come è vostra consuetudine. Tutto quello che avrete raccolto lasciatelo in spiga, eccetto il poco che consumerete. Verranno poi sette anni di carestia che consumeranno tutto quello che avrete risparmiato, eccetto quel poco che conserverete. Dopo di ciò verrà un’annata in cui gli uomini saranno soccorsi e andranno al frantoio.”

L’Islam ha esortato la qualita’ della misericoria, la compassione e la pieta’ come delle qualita’ che conducono all’unita’ della fila, e di questo dice Allah, nel Nobile Corano:” Quindi, la misericordia, la pieta’ e la compassione sono i fattori dell’unita’ dei cuori”.

Il Profeta (Pbsl) disse:”La religione (dell’Islam) è facile, e chiunque renda la religione un rigore, lo sopraffà. Quindi, segui una via di mezzo (in adorazione); se non puoi farlo, fallo qualcosa vicino ad esso e dare buone notizie e cercare aiuto (di Allah) al mattino e al crepuscolo e in qualche parte della notte “Allah,l’Onnipotente ordina la gente a diffondere la pace e pieta’ fra di loro, se anche sono di fede diversa, dicendo:” userete buone parole con la gente”

Gloria a Lui dice anche:”Allah non vi proibisce di essere buoni e giusti nei confronti di coloro che non vi hanno combattuto per la vostra religione e che non vi hanno scacciato dalle vostre case, poiché Allah ama coloro che si comportano con equità”.Il Profeta (Pbsl) adottava gli ordini  citati nel Corano nel comportamento con i non musulmani, e accettava i loro regali, i loro inviti, e visitava i loro malati, mostrando la tolleranza della religione nei confronti di loro, anche per proteggere l’unita’ della societa’ e la sua coesione.Il dovere e le priorita’ attuali richiedono da tutti i buoni cittadini della nazione d’essere sensibili della natura della presente situazione, d’essere uniti in una fila, per perfezionare le loro opere in tutti i campi, sia in medicina, sia in giurisprudenza, sia in agricoltura,…etc.

Tutti devono svolgere tutti gli sforzi per amore della patria e questo e’ uno dei precetti della nostra religione.

Di questo, Allah, l’Altissimo, ha rivolto le proprie parole a tutti, senza distinzione, esaltando il serio lavoro e la professionalita’:” Egli è Colui Che vi ha fatto remissiva la terra: percorretela in lungo e in largo, e mangiate della Sua provvidenza. Verso di Lui è la Resurrezione.”

Dice anche l’Altissimo:” Quando poi l’orazione è conclusa, spargetevi sulla terra in cerca della grazia di Allah, e molto ricordate Allah, affinché possiate avere successo. “

Dico questo e imploro il perdono di Allah, per me e per voi

* * *

La gloria appartiene pienamente ad Allah. Attesto che non esiste altro Dio che Allah. E testimonio che Mohammad è il suo servitore e il suo messaggero. Pace e benedizioni di Allah possano essere su di lui, sui suoi familiari, sui suoi compagni e su tutti coloro che seguono fedelmente il suo percorso fino al giorno del Giudizio.I miei fratelli nell’Islam,Un buon osservatore degli eventi della storia è consapevole che le controversie e le dispute sono tra le cause della sconfitta e della debolezza, percio’ Allah ha avvertito nel Corano dicendo: “E non siate come coloro che si sono divisi, opposti gli uni agli altri, dopo che ricevettero le prove. Per loro c’è castigo immenso “, e l’Onnipotente dice:”Obbedite ad Allah e al Suo Messaggero. Non siate discordi, ché altrimenti vi scoraggereste e verrebbe meno la vostra risolutezza. Invero Allah è con coloro che perseverano”Inoltre, la dispersione e la differenza nella parola potrebbe danneggiare la dignita’ della nazione e la rendono piu’ debole ed è sufficiente mettere in guardia contro la divisione che chiunque muoia a causa di essa muore come i pagani.A tal fine, l’Islam ha combattuto ogni comportamento e aspetto che avrebbe portato alla divisione e alla differenza, quindi vediamo che l’Islam proibiva il razzismo, che è uno degli aspetti piu’ negati del periodo pregiudicato pre-islamico.Il Profeta( Pbsl) dice:”In verità Allah ha rimosso Jahiliyyah da voi e si vanta del lignaggio. [In effetti una persona è o] un credente pio, o un miserabile peccatore. E le persone sono tutti figli di Adamo e Adamo è stato [creato] dalla polvere “

Il Profeta(pbsl) sottolinea anche che tutte le persone sono equi nei diritti e nei doveri, dicendo:” O genti, siete equi, c’e’ un solo Dio per tutti voi, il vostro padre fu uno solo, non c’e’ preferenza tra un arabo o straniero, o bianco o nero, e l’unica preferenza consiste solo nel timore di Allah,”

Imploriamo Allah di unire le nostre file, guidarci sulla retta via, darci la forza per perfezionare le nostre opere e le parole, proteggere l’Egitto e fare la sua bandiera alta tra tutti i paesi.